TRIBUNALE DI ….

ATTO DI CITAZIONE

Per il Sig. …. , nato a …. il …., residente in …. alla via ….n. …., C.F. …., elettivamente domiciliato in …. alla via …. n. …. presso lo studio dell’Avv. …., C.F. …. che lo rappresenta e difende in virtù di procura in calce al presente atto e presso il quale dichiara di voler ricevere le comunicazioni relative al presente procedimento al numero di fax …. o all’indirizzo PEC …. si espone quanto segue.

FATTO

1) In data …. alle ore …. in via …., l’odierno attore alla guida del proprio motoveicolo …. targato …. percorreva via …… proveniente dalla via ….. e con direzione viale……

2) in prossimità del civico …… l’attore arrestava la marcia del veicolo per via del traffico.

3) In questo frangente veniva urtato violentemente nella parte posteriore dalla parte anteriore dell’autovettura …… targata …… condotta dal Sig……. e assicurata presso la ….. Assicurazioni Spa ….. con sede in …..

4) In seguito al sinistro, l’odierno attore veniva accompagnato presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale di ….. dove gli venivano diagnosticati …… come risultante da…… (vedi allegato n…….) ;

5) Veniva quindi sottoposto a visita specialistica presso il Dott……. Dove gli veniva diagnosticata ….. (vedi allegati nn……);

6) Dalle suddette lesioni sono residuati postumi di carattere permanente come indicato nella relazione medico legale del Dott.. ….. (vedi allegato n…..), oltre a disagi psicologici ….. (vedi allegato n…..);

7) Inoltre, a causa del forte impatto, il motoveicolo dell’istante riportava ingenti danni alla …… come si evince dalla documentazione fotografica e dal preventivo di riparazione dell’autocarrozzeria …… e successiva fattura n……. (vedi allegati n…….);

8) Data la dinamica del sinistro descritto, come risultante peraltro dal verbale dell’autorità…… intervenuta sul luogo, è chiara la responsabilità esclusiva del Sig……, convenuto, nella causazione dell’incidente, per violazione dell’art. 149, comma 1, del codice della strada, oltre che delle regole dell’ordinaria prudenza.

9) Per questi motivi, l’odierno istante, con lettera raccomandata del …. ricevuta il …. (vedi allegato n…..) provvedeva a mettere in mora, ai sensi e per gli effetti dell’art. 145 del Dlgs n. 209/2005, la compagnia ….. Assicurazioni Spa ….. con sede ….. in persona del legale rapp.te p.t…….. quale assicuratrice del danneggiante, la quale, in seguito a perizia effettuata dal ……..(vedi allegato n……), si dichiarava disposta a risarcire all’istante la somma di Euro….

10) Data l’incongruità della somma offerta, l’attore, a mezzo dell’Avv……, con raccomandata a/r del …. (vedi allegato n…….), provvedeva ad invitare il ….e la …. Ass. ni Spa …. al procedimento di negoziazione assistita; tuttavia, tale richiesta rimaneva inevasa.

IN DIRITTO

1) In ordine alla quantificazione del danno biologico di lieve entità, deve osservarsi preliminarmente l’incongruità della somma offerta dalla …. Assicurazioni Spa, convenuta …., la quale nel liquidare il danno non patrimoniale ha tenuto conto soltanto del grado di invalidità permanente, omettendo invece di valutare l’incidenza negativa che le lesioni riportate hanno avuto sulle attività quotidiane (c.d. inabilità assoluta o parziale) dell’odierno attore.

Com’è noto, ai fini della quantificazione del danno biologico derivante da lesioni di lieve entità l’art. 139 del Cod. Ass.ni, prevede espressamente quali criteri di liquidazione delle microinvalidità, nella misura dall’1% al 9%, derivanti dai sinistri conseguenti alla circolazione di veicoli e natanti, distinguendo tra danno biologico permanente e temporaneo, a sua volta, totale e parziale.

Con riferimento al danno biologico permanente, l’art. 139 sancisce che lo stesso sia calcolato in base all’applicazione a ciascun punto percentuale di invalidità del relativo coefficiente e ridotto con il crescere dell’età del soggetto, in ragione dello 0,5% per ogni anno a partire dall’undicesimo anno di età.

Nella fattispecie, a seguito dell’incidente, l’odierno attore ha riportato una ….. cui corrisponde una invalidità permanente del ….. (vedi allegato n……), per cui, avendo lo stesso l’età di ….. ha diritto alla somma di euro ……

Con riferimento al danno biologico temporaneo, la disposizione in parola statuisce che al danneggiato sia liquidato un importo di Euro 39,37 per ogni giorno di inabilità assolta, mentre in caso di inabilità inferiore al 100% la liquidazione avvenga in misura corrispondente alla percentuale di inabilità riconosciuta per ogni giorno.

Nella fattispecie, l’odierno istante è stato ……. Di cui ….. giorni in condizione di inabilità assoluta e …… giorni di inabilità parziale, per cui compete allo stesso anche la somma di euro …… a titolo di danno biologico temporaneo.

2) In ordine al danno morale, invece, deve osservarsi che la somma offerta all’istante dalla ….. assicurazioni Spa …. Convenuta risulta incongrua giacchè non valuta, tra l’altro, la sofferenza psicofisica derivata allo stesso per via del sinistro. A seguito dell’impatto, infatti, l’odierno attore soffriva …… consistenti …. (vedi allegati n…..).

Pur in assenza di automatismi, è noto che la giurisprudenza della Cassazione (vedi fra le altre la sentenza delle sezioni unite n. 29191/2008), afferma la risarcibilità autonoma del danno morale, in aggiunta a quello biologico, non rilevando, laddove il danno non patrimoniale derivante dall’illecito si sostanzi in una sofferenza di tipo diverso, una inammissibile duplicazione risarcitoria.

Ne consegue che, data la non sovrapponibilità dei pregiudizi scaturenti dalla lesione dell’integrità psico-fisica lamentata dall’istante e quelli di tipo morale patiti, anche il danno morale va risarcito ove adeguatamente provato; prova che, come da indirizzo consolidato della giurisprudenza, può avvenire anche mediante presunzioni. Non solo. Come prevede l’art. 139, comma 3, del Cod. Ass.ni, laddove la menomazione abbia causato una sofferenza psicofisica di particolare intensità, l’importo può essere aumentato sino ad un quinto (20%), con equo e motivato apprezzamento delle condizioni soggettive del danneggiato.

Nel caso di specie, può dunque ritenersi che il danno morale patito dall’istante debba quantificarsi nella percentuale di …., da calcolarsi sulla somma di quanto dovuto dai convenuti a titolo di invalidità permanente e invalidità temporanea.

3) In ordine al danno patrimoniale, come risulta da ….. (vedi allegati n….), compete, infine, all’attore il risarcimento ex art. 1223 c.c. per i danni derivanti sia dalle spese mediche sostenute per ….. che si quantificano in euro …. che per la riparazione del proprio mezzo, quantificati in euro …….

Sulla scorta di quanto premesso, l’attore, come sopra rappresentato, difeso e domiciliato

CITA

Il Sig. ….(C.F. ….), residente in …. via …. n. …. e la ….Ass.ni SPA …… (C.F./P.I……..), in persona del suo legale rappresentante p.t., con sede in …., via ….n …., a comparire innanzi al Tribunale di ….. nella sede, sez. e giudice designandi, all’udienza che ivi sarà tenuta il giorno …., ore di rito, con l’invito a costituirsi, ai sensi e nelle forme stabilite dall’art. 166 c.p.c., nel termine di 20 giorni prima dell’udienza indicata nel presente atto oppure di quella fissata, ai sensi dell’art. 168-bis, ultimo comma, c.p.c., dal giudice designato, con l’avvertimento che la costituzione oltre i suddetti termini implica le decadenze di cui agli artt. 38 e 167 c.p.c. e, inoltre, con avviso che in caso di mancata costituzione si procederà in sua contumacia per ivi sentir accogliere le seguenti

CONCLUSIONI

Voglia l’On.le Tribunale adito, respinta ogni contraria istanza:

— accertare e dichiarare la responsabilità esclusiva del Sig…….., conducente dell’autovettura …. tg. …. in ordine alla produzione del sinistro descritto in premessa e, per l’effetto,

— condannare, in solido tra loro, la … Assicurazioni Spa, in persona del legale rappresentante p.t., e …., il Sig…….. in qualità di proprietario dell’autovettura …. tg. …. al risarcimento di tutti i danni non patrimoniali e patrimoniali complessivamente quantificati in euro ……., oltre rivalutazione monetaria ed interessi nella misura di legge e in ogni caso entro i limiti di competenza del giudice adito.

Con vittoria di spese, competenze ed onorari di giudizio.

In via istruttoria si chiede:

– in caso di contestazione della CTP, ammissione CTU medico-legale per la determinazione e quantificazione dei postumi invalidanti riportati dalla Sig.ra…… nel sinistro per cui è causa;

– ammettersi prova per testi sui fatti di causa con testi da indicarsi nelle memorie ex art. 183, VI comma, c.p.c.

Ulteriori mezzi di prova riservati con salvezza dei termini e delle deduzioni ex artt. 183 e 184 c.p.c., compresa la richiesta di documenti d i cui all’art. 210 c.p.c. e informazioni ex art. 213 c.p.c.

Allegati: …….

……

Ai sensi del Dpr n. 115/2002, si dichiara che il valore del presente procedimento è di Euro….

Luogo e data ….

Firma Avv. ….

PROCURA

 

Ti è stato utile questo articolo?

Assi Bot

Comments are closed.