Cassazione civile n. 7250/2018 cartella clinica

Cassazione civile n. 7250/2018 cartella clinica

Cassazione civile sez. III, 23/03/2018, n.7250 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. TRAVAGLINO Giacomo                           – Presidente   – Dott. FRASCA     Raffaele                         – Consigliere – Dott. CIGNA     Maria                             – Consigliere – Dott. VINCENTI   Enzo                             – Consigliere – Dott. AMBROSI   Irene                       – rel. Consigliere – ha pronunciato la seguente: ORDINANZA sul ricorso 4565/2015 proposto da:               B.G., elettivamente domiciliata in ….., presso lo studio dell’avvocato ….., rappresentata e difesa dall’avvocato …. giusta procura speciale in calce al ricorso; – ricorrente – contro AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA (OMISSIS) in persona del suo Direttore Generale e legale rappresentante pro… Per accedere registrati e abbonati oppure effettua il login
Cassazione civile n.30998/2018 linee guida

Cassazione civile n.30998/2018 linee guida

Cassazione civile ordinanza n. 30998 del 30 novembre 2018   ORDINANZA   sul ricorso 21020-2016 proposto da: …., considerato domiciliato ex lege in ….., rappresentato e difeso dall’avvocato ….. giusta procura in calce al ricorso; – ricorrente – contro ….., in persona del legale rappresentante p.t. ….., elettivamente domiciliati in ….., presso lo studio dell’avvocato ….., rappresentati e difesi dall’avvocato …. giusta procura in calce al controricorso; – controricorrenti – avverso la sentenza n. 196/2016 della CORTE D’APPELLO di ANCONA, depositata il 15/02/2016; udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 28/09/2018 dal Consigliere Dott. MARCO ROSSETTI;R.G.N.… Per accedere registrati e abbonati oppure effettua il login
Quali sono i gradi della colpa medica?

Quali sono i gradi della colpa medica?

In materia di responsabilità medica, l’esatta definizione della colpa assunta dal sanitario è di peculiare importanza. Un comportamento è colposo, come previsto dall’art. 43 c.p., quando l’evento “… anche se preveduto , non è voluto dall’agente e si verifica a causa di negligenza o imprudenza o imperizia, ovvero per inosservanza di leggi, regolamenti, ordini o discipline.” . In dottrina, si è cercato di dare una definizione netta e chiara di negligenze, imprudenza e imperizia. Nello specifico, si tende ad ascrivere alla categoria dell’imperizia il comportamento del soggetto inosservante delle regole cautelari perchè “inesperto”, soprattutto sul piano esecutivo. La nozione di imperizia, peraltro, non va… Per accedere registrati e abbonati oppure effettua il login
Cassazione penale n.24384/2018 colpa medica

Cassazione penale n.24384/2018 colpa medica

Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza 26 aprile – 30 maggio 2018, n. 24384 Presidente Piccialli – Relatore Pavich Ritenuto in fatto In data 13 marzo 2017, la Corte d’appello di Roma ha confermato la sentenza con la quale M.L. , il 21 gennaio 2016, era stato dichiarato colpevole dal Tribunale di Roma in ordine al reato a lui ascritto ex art. 589 cod.pen. (omicidio colposo in danno di Co.Re. , deceduta presso l’ospedale (omissis) il (omissis) ). Per meglio comprendere i termini del giudizio, giova precisare che la Co. era stata sottoposta, il (omissis) , presso la casa… Per accedere registrati e abbonati oppure effettua il login
LEGGE 23 dicembre 1978 n. 833 Istituzione del servizio sanitario nazionale

LEGGE 23 dicembre 1978 n. 833 Istituzione del servizio sanitario nazionale

TITOLO I IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE CAPO I PRINCIPI ED OBIETTIVI La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; la seguente legge: IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA Art. 1. (I principi) La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettivita’ mediante il servizio sanitario nazionale. La tutela della salute fisica e psichica deve avvenire nel rispetto della dignita’ e della liberta’ della persona umana. Il servizio sanitario nazionale e’ costituito dal complesso delle funzioni, delle strutture, dei servizi e delle attivita’ destinati alla promozione, al mantenimento ed al recupero della salute fisica e psichica di tutta la popolazione senza distinzione… Per accedere registrati e abbonati oppure effettua il login
Cassazione civile n. 5641/2018 perdita chance

Cassazione civile n. 5641/2018 perdita chance

Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza 5 luglio 2017 – 9 marzo 2018, n. 5641 Presidente/Relatore Travaglino I fatti A.F. , M.L. e R. convennero dinanzi al Tribunale di Roma la Casa di Cura …. ed i sanitari V.C. , D.N.A. , T.L. ed …, chiedendone la condanna al risarcimento dei danni patiti a causa del decesso anticipato della propria congiunta, D.G.P. , determinato da errori diagnostici – consistiti nella non corretta interpretazione di due radiografie toraciche – e dall’inutile intervento chirurgico di toracotomia eseguito presso la predetta clinica. 2. Il giudice di primo grado accolse la domanda nei… Per accedere registrati e abbonati oppure effettua il login
Cos’è la perdita di chance nella responsabilità medica?

Cos’è la perdita di chance nella responsabilità medica?

Il danno da perdita di chance è una voce di creazione giurisprudenziale che si è sviluppato in modo consistente nel settore della responsabilità professionale dei sanitari. Per l’orientamento pressochè unanime della giurisprudenza il danno da perdita di chance è da intendersi come lesione della concreta occasione favorevole di conseguire un determinato bene, che non è mera aspettativa di fatto, ma entità patrimoniale a sé stante, giuridicamente ed economicamente suscettibile di autonoma valutazione. Tale danno può essere in concreto ravvisato e risarcito solo con specifico riguardo al grado di probabilità che in concreto il richiedente avrebbe avuto di conseguire il bene… Per accedere registrati e abbonati oppure effettua il login
Cassazione penale n. 2354/2018 equipe medica

Cassazione penale n. 2354/2018 equipe medica

Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza 21 dicembre 2017 – 19 gennaio 2018, n. 2354 Presidente Romis – Relatore Piccialli Ritenuto in fatto Le parti civili V.L. ,V.G. e V.A. , ai fini civili, e l’imputato H.C. ricorrono avverso la sentenza di cui in epigrafe che, per quanto qui interessa, in riforma della sentenza di primo grado, ha mandato assolto l’imputato M.A. , dal reato di omicidio colposo per non aver commesso il fatto, revocando quindi le statuizioni civili, e, previa riqualificazione dell’originaria contestazione di omicidio preterintenzionale, ha dichiarato non doversi procedere nei confronti dell’H. per intervenuta prescrizione rispetto… Per accedere registrati e abbonati oppure effettua il login
Chi risponde dei danni dell’equipe medica?

Chi risponde dei danni dell’equipe medica?

L’attività medica d’equipe è l’attività posta in essere con la partecipazione e collaborazione di diversi sanitari che eseguono un intervento in gruppo interagendo tra loro, sia contemporaneamente che diacronicamente. Qualora dall’operato dell’equipe medica derivino danni al paziente, occorre stabilire gli esatti confini della responsabilità del singolo o del gruppo, il quale è composto da professionisti legati tra loro da rapporti gerarchici a seconda del ruolo svolto. Per cui, se la figura più a rischio è quella del capo-equipe che assume una posizione di garanzia nei confronti del paziente, ciò non significa che gli altri medici siano esenti da responsabilità. Anzi,… Per accedere registrati e abbonati oppure effettua il login
Cassazione civile n. 29853/2018 nesso causalità medica

Cassazione civile n. 29853/2018 nesso causalità medica

Corte di Cassazione, sez. III Civile, ordinanza 28 settembre – 20novembre 2018, n. 29853 Presidente Travaglino – Relatore Tatangelon Fatti di causa D.L. ha agito in giudizio nei confronti del Centro Cardiologico …… per ottenere il risarcimento dei danni (paraplegia, cistorettoparaplegia, insufficienza renale terminale) a suo dire causati da trattamenti sanitari inadeguati che gli erano stati praticati presso la suddetta struttura sanitaria, in occasione di un intervento chirurgico di aneurismectomia dell’aorta toraco-addominale. La domanda è stata rigettata dal Tribunale di Milano. La Corte di Appello di Milano, in riforma della decisione di primo grado, la ha invece accolta, condannando l’istituto… Per accedere registrati e abbonati oppure effettua il login