LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SPIRITO   Angelo                           – Presidente   –

Dott. SCODITTI Enrico                           – Consigliere –

Dott. GRAZIOSI Chiara                           – Consigliere –

Dott. POSITANO Gabriele                         – Consigliere –

Dott. MOSCARINI Anna                         – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 13523/2015 proposto da: AUTOCARROZZERIA GRB SRL, in persona del legale rappresentante pro tempore Sig.ra             B.G., elettivamente domiciliata in ……, presso lo studio dell’avvocato …… giusta procura in calce al ricorso; – ricorrente – contro             P.S.,             R.G., COMPAGNIA ASSICURAZIONI GENERALI ITALIA SPA, COMPAGNIA ASSICURAZIONI VITTORIA SPA; – intimati – nonchè da: COMPAGNIA ASSICURAZIONI VITTORIA SPA, in persona del suo Amministratore Delegato e legale rappresentante Rag.             G.R., elettivamente domiciliata in ……, presso lo studio dell’avvocato …… giusta procura in calce al controricorso e ricorso incidentale; – ricorrente incidentale – contro AUTOCARROZZERIA GRB SRL,             P.S., COMPAGNIA ASSICURAZIONI GENERALI ITALIA SPA,             R.G.,               PA.FR. PARTE INSERITA A SEGUITO C/RIC INCIDENTALE DEL 23/6/15; – intimati – avverso la sentenza n. 5668/2014 del TRIBUNALE di PALERMO, depositata il 19/11/2014; udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del 09/11/2017 dal Consigliere Dott. ANNA MOSCARINI.

FATTI DI CAUSA

Autocarrozzeria GRB S.r.l. (già Multiservice Company S.r.l.) ricorre per la cassazione della sentenza del Tribunale di Palermo n. 5668/2014 che, confermando la pronuncia di primo grado resa tra Pa.Fr. conducente del veicolo danneggiato, P.S. proprietaria del veicolo danneggiante e R.G. conducente del veicolo danneggiante, ha condannato il solo R. al risarcimento del danno nei confronti della Pa.. Il Giudice di Pace, confermato dal Tribunale, aveva ritenuto che la ficta confessio determinata dalla mancata presentazione del R. a rendere l’interrogatorio formale, trattandosi nel caso di specie di litisconsorzio facoltativo, non spiegava alcun effetto nei confronti di P. e Alleanza Toro ma soltanto nei confronti del confitente.

Devi eseguire la registrazione ed abbonarti, per visualizzare tutti i contenuti di Assibot
Per favore .
Non sei abbonato? Registrati

Ti è stato utile questo articolo?

Marina Crisafi

Comments are closed.