L’assicuratore dopo aver ricevuto la richiesta di risarcimento o il modulo C.A.I. (constatazione amichevole d’incidente) deve, nella fase stragiudiziale, stimare il danno e procedere per la liquidazione. Ai sensi dell’art.148, comma 3 del CdA, il danneggiato deve collaborare con l’assicuratore per consentire a quest’ultimo la valutazione del danno alla persona, pena la sospensione dei termini per la formulazione dell’offerta dell’assicuratore. Un’interruzione che può durare finché il danneggiato non accetti di farsi vistare.

I termini per l’offerta di liquidazione del danno, da parte dell’assicuratore, decorrono dalla ricezione della succitata richiesta, purché completa dei dati e delle informazioni necessarie, altrimenti l’assicuratore avrà 30 giorni per chiedere le integrazioni necessarie e, pertanto, i termini dell’offerta decorreranno dalla ricezione delle integrazioni richieste (art.148, comma 5 CdA).

I termini, comunque, previsti per detta offerta, a pratica completa, sono:

-30 giorni per sinistri con soli danni a cose (modulo C.A.I. sottoscritto dalle due parti);

-60 giorni  per sinistri con soli danni a cose, senza modulo C.A.I. (richiesta di risarcimento o modulo C.A.I. presentato singolarmente da una delle parti o da entrambi, ma non sottoscritto da tutti e due);

Devi eseguire la registrazione ed abbonarti, per visualizzare tutti i contenuti di Assibot
Per favore .
Non sei abbonato? Registrati

Ti è stato utile questo articolo?

Assi Bot

Comments are closed.