I veicoli e i natanti immatricolati o registrati in Stati esteri, che circolano in modo temporaneo nel territorio italiano, sono tenuti a rispettare l’obbligo di assicurazione per tutto il tempo della loro permanenza in Italia. Tale obbligo si estende anche ai natanti su cui è collocato un motore amovibile di qualsiasi potenza, munito di certificato di uso straniero o di altro documento equivalente emesso all’estero. Ai fini del corretto assolvimento dell’obbligo di assicurazione per i natanti, l’art. 125 del Codice delle Assicurazioni Private esige la stipula di un valido contratto di assicurazione o il possesso, da parte del conducente, di un certificato internazionale di assicurazione accettato dall’Ufficio centrale italiano (UCI).

Per i veicoli a motore di uno Stato terzo (extra UE), invece, l’obbligo di assicurazione si può assolvere secondo tre differenti modalità:

Devi eseguire la registrazione ed abbonarti, per visualizzare tutti i contenuti di Assibot
Per favore .
Non sei abbonato? Registrati

Ti è stato utile questo articolo?

Assi Bot

Comments are closed.