REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI SINISTRI, DELLA BANCA DATI ANAGRAFE TESTIMONI E DELLA BANCA DATI ANAGRAFE DANNEGGIATI, DI CUI ALL’ARTICOLO 135 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE 2005, N. 209 –CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE

 

L’ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI

VISTA la legge 12 agosto 1982, n. 576,concernente la riforma della vigilanza sulle assicurazioni e l’istituzione dell’ISVAP; VISTO il decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, recante ilCodice delle Assicurazioni Private;

VISTO il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e successive modificazioni ed integrazioni, recante il Codice in materia diprotezione dei dati personali;

VISTO il decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito con modificazioni in legge 24 marzo 2012, n. 27,recante disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività;

VISTO il decreto legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito con modificazioni in legge 7 agosto 2012, n. 135, concernente disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini, istitutivo dell’IVASS ed, in particolare, l’articolo 13, comma 20, il quale prevede che rientra nella competenza esclusiva del Direttorio integrato, tra l’altro, l’adozione di provvedimenti a carattere normativo;

VISTO l’articolo 21 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito con modificazioni in legge 17 dicembre 2012, n. 221, il quale prevede che l’IVASS cura la prevenzione delle frodi nel settore dell’assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, relativamente alle richieste di risarcimento edi indennizzo e all’attivazione di sistemi di allerta preventiva contro i rischi di frode;

VISTO il comma 3 del citato articolo 21, secondo cui l’IVASS per la cura delle finalità antifrode si avvale di un archivio informatico integrato connesso con le banche dati ivi elencate, nonché con ulteriori archivi e banche dati pubbliche e private, individuate con decreto del Ministro dello sviluppo economico e del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, sentiti i Ministeri competenti,l’IVASSe il Garante per la protezione dei dati, per i profili connessi alla tutela della privacy ; VISTO il decreto del Ministro dello Sviluppo Economico e del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti 11 maggio 2015, n. 108, recante l’istituzione dell’archivio informatico integrato di cui all’articolo 21 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito con modificazioni in legge 17 dicembre 2012, n. 221, con l’individuazione delle banche dati che ne fanno parte;

VISTO il Provvedimento ISVAP n. 2827 del 25 agosto 2010 e successive integrazioni e modificazioni;

VISTO il Regolamento IVASS n. 9 del 19 maggio 2015, recante la disciplina della banca dati attestati di rischio e dell’attestazione sullo stato del rischio di cui all’articolo134 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 – Codice delle Assicurazioni Private dematerializzazione dell’attestato di rischio.

SENTITI il Ministero dello Sviluppo Economico, il Ministero dell’Interno e, per i profili di tutela della riservatezza, il Garante per la protezione dei dati personali,

adotta il seguente:

REGOLAMENTO

INDICE

CAPO I – DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

Art. 1(Fonti normative)

Art. 2(Definizioni)

Art. 3(Ambito di applicazione)

Capo II –Banche dati

Art. 4(Finalità)

Art. 5(Trattamento dei dati)

 

CAPO III – MODALITÀ DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTODELLE BANCHE DATI

Art. 6(Obblighi di comunicazione delle imprese di assicurazione italiane)

Art. 7(Modalità e termini di comunicazione dei dati)

Art. 8(Ricevimento, convalida e registrazione dei dati)

 

CAPO IV – CONSULTAZIONE DELLE BANCHE DATI

Art. 9(Consultazione delle imprese di assicurazione)

Art. 10(Limiti all’esercizio del diritto di consultazione)

Art. 11(Modalità di abilitazione alla consultazione)

Art. 12(Modalità di consultazione da parte dei soggetti aventi diritto)

Art. 13(Modalità di consultazione daparte delle imprese di assicurazione, della CONSAP e dell’UCI)

Art. 14(Tracciatura delle consultazioni)

 

Capo V –Diritti degli interessati

Art. 15(Modalità di esercizio)

CAPO VI – DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI

Art. 16(Trasferimento dei dati)

Art. 17(Modifiche al Regolamento ISVAP n. 13 del 6 febbraio 2008)

Art. 18 (Abrogazioni)

Art. 19(Pubblicazione)

Art. 20 (Entrata in vigore)

 

ELENCO ALLEGATI

ALLEGATO 1 “DATI RELATIVI AI SINISTRI ”

ALLEGATO 2 “C ONDIZIONI E MODALITÀDI CONSULTAZIONE DA PARTE DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE , DELLA CONSAP E DELL ’UCI”

 

Capo I -Disposizioni di carattere generale

Art. 1 ( Fonti normative )

1. Il presente Regolamento è adottato ai sensi dell’articolo 135 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209 e dell’articolo 120 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

Art. 2 ( Definizioni )

1. Ai fini del presente Regolamento s’intendono per:

a) “archivio informatico integrato”: lo strumento informatico d’interconnessione dati, denominato anche “archivio integrato antifrode” o “AIA”, con cui l’IVASS analizza, elabora e valuta le informazioni in proprio possesso, al fine di individuare i casi di sospetta frode e di stabilire un meccanismo di allerta preventiva contro le frodi, istituito dall’articolo21 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertitoinlegge 17 dicembre 2012, n. 221, e regolato dal D.M. dello Sviluppo Economico e del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti 11 maggio 2015, n. 108;

b) “banche dati”: la banca dati sinistri, la banca dati anagrafe testimoni e la banca dati anagrafe danneggiati, istituite dall’articolo 135 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, per la prevenzione e il contrasto di comportamenti fraudolenti nel settore delle assicurazioni obbligatorie per i veicoli a motore;

c) “Decreto”: il decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive modificazioni ed integrazioni, recante il Codice delle assicurazioni private;

d) “definizione” del sinistro: la conclusione del procedimento di trattazione di un sinistro gestitoda un’impresa di assicurazione, per pagamento o eliminazione senza seguito;

e) “imprese di assicurazione italiane”: le imprese aventi sedelegale in Italia e le sedi secondarie in Italia di imprese di assicurazione aventisede legale in uno Stato terzo;

f) “imprese di assicurazione”: le imprese di assicurazione italiane e le imprese di assicurazione dell’Unione europeae quelle aderenti allo Spazio economico europeo, che svolgono la loro attività in Italia in regime di libertà di prestazione di servizi o in regime di stabilimento;

g) “interessati”: le persone fisiche cui si riferiscono i dati personali;

h) “parametri di significatività”: gli indicatori di possibili fenomeni fraudolenti, come individuati dall’articolo 4 del Provvedimento ISVAP n. 2827 del 25 agosto 2010;

i) “sinistri”: i sinistri relativi all’assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli amotore immatricolati in Italia;

j) “soggetti abilitati”: le persone fisiche, incaricate dalle imprese di assicurazione in ragione della connessione con l’attività svolta su incarico delle stesse, abilitate a consultare i dati registrati nelle banche dati di cui alla lettera b);

k) “soggetti aventi diritto”: l’Autorità Giudiziaria, le Forze di Polizia e le Pubbliche Amministrazioni competenti in materia di prevenzione e contrasto di comportamenti fraudolenti nel settore delle assicurazioni obbligatorie per i veicoli a motore immatricolati in Italia;

l) “soggetti terzi”: i soggetti legittimati alla consultazione delle banche dati nei limiti e per le finalità individuati dalla legge.

 

Art. 3 ( Ambito di applicazione )

1. Il presente Regolamento si applica:

a) alle imprese di assicurazione italiane autorizzate all’esercizio nel territorio della Repubblica dell’attività assicurativa nel ramo dell’assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, anche qualora agiscano in veste di imprese designate per la liquidazione dei danni a carico del Fondo di garanzia per le vittime della strada;

b) alle imprese dell’Unione europeaed a quelle aderenti allo Spazio economico europeo abilitate all’esercizio nel territorio della Repubblica dell’attività assicurativa nel ramo dell’assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore in regime di libertà di prestazione di servizi o in regime di stabilimento, ad esclusione di quanto disposto dalCapo III.

Capo II –Banche dati

Art. 4 ( Finalità )

1. Le banche dati raccolgono i dati dei sinistri relativi ai veicoli a motore immatricolati in Italia, nonché i dati dei testimoni e dei danneggiati riferiti ai medesimi sinistri, al fine di agevolare la prevenzione e il contrasto di comportamenti fraudolentinel settore dell’assicurazione obbligatoria per i veicoli a motore.

2.Le banche dati sono organizzate in modo da consentire all’IVASS, in relazione alla finalità di cui al comma 1, di effettuare elaborazioni statistiche, ricerche, studi ed analisi dei dati.

 

Art. 5 ( Trattamento dei dati )

1. L’IVASS è il titolare del trattamento dei dati ed opera nel rispetto dei principi di cui all’articolo 11 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196. In tale qualità sovrintende al corretto funzionamento delle banche dati e all’osservanza delle disposizioni che regolano le modalità e i termini di comunicazione dei dati.

2. L’IVASS adotta le misure tecniche, logiche, informatiche, procedurali, fisiche ed organizzative idonee a garantire il corretto e regolare funzionamento delle banche dati, nonché la riservatezza, la sicurezza e l’integrità dei dati in conformità al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

 

Capo III –Modalità di organizzazione e funzionamento delle banche dati

Art. 6 ( Obblighi di comunicazione delle imprese di assicurazione italiane )

1.I dati per l’alimentazione delle banche dati sono comunicati all’IVASS, dal momento del pervenimento della richiesta di risarcimento o della denuncia e fino alla definizione del sinistro, da parte dell’impresa di assicurazione italiana:

a) che ha ricevuto la richiesta di risarcimento del danneggiato, nel caso di sinistri soggetti alla procedura di risarcimento diretto di cui all’articolo 149 del Decreto;

b) che gestisce la procedura di liquidazione a seguito della denuncia di sinistro del responsabile o, in mancanza, della richiesta di risarcimento del danneggiato, nel caso di sinistri soggetti alla procedura di risarcimento di cui all’articolo 148 del decreto.

2.I dati da comunicare sono indicati nell’allegato 1 e sono relativi alle seguenti categorie:

a)elementi identificativi del sinistro;

b)elementi identificativi dei testimoni del sinistro;

c)elementi identificativi dei danneggiati dal sinistro;

d)elementi identificativi dei contraenti, dei proprietari e dei conducenti dei veicoli coinvolti nel sinistro;

e)elementi identificativi dei veicoli coinvolti nel sinistro;

f) elementi identificativi dei professionisti incaricati in relazione al sinistro;

g)elementi identificativi delle carrozzerie o autofficine di riparazione dei veicoli coinvolti nel sinistro;

h)elementi identificativi delle autorità e dei presìdi di pronto soccorso eventualmente intervenuti in relazione al sinistro;

i) elementi di valutazione del danno alle cose e/o alle persone. In caso di danni alle cose: parti danneggiate; in caso di danni alle persone: sedi delle lesioni, classificate in base a zone anatomiche predeterminate o eventuale decesso;

j) elementi identificativi dei pagamenti per danni a cose e/o persone determinati dal sinistro, ivi inclusi i beneficiari.

 

Art. 7 ( Modalità e termini di comunicazione dei dati )

1. Le imprese di assicurazione italiane comunicano all’IVASS i dati relativi al sinistro secondo principi di esattezza e completezza, con le modalità tecniche stabilite dall’IVASS con proprio Provvedimento.

2. Le imprese di cui al comma 1 comunicano i dati di cui all’articolo 6, relativi a ciascun sinistro, in via telematica, entro sette giorni, esclusi il sabato e i festivi, dal pervenimento della richiesta di risarcimento o della denuncia.

3. Le imprese di cui al comma 1 comunicano, entro il termine di sette giorni dall’acquisizione, esclusi il sabato e ifestivi, i dati di cui all’articolo6 conosciuti successivamente alla trasmissione effettuata ai sensi del comma 2.

4. Le imprese di cui al comma 1 apportano tempestivamente ogni rettifica o cancellazione dei dati che si renda necessaria e ne danno notizia all’IVASS entro il termine di venti giorni di calendario.

5. Le imprese di cui al comma 1 assumono misure preventive ed idonee al fine di assicurare la riservatezza, la sicurezza e l’integrità dei dati e delle comunicazioni, in conformità al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

6. Ai soli fini sanzionatori, si considera quale comunicazione periodica di cui all’articolo316 del Decreto, indipendentemente dalla frequenza dei flussi dei dati comunicati ai sensi del presente articolo, l’insieme delle trasmissioni effettuate dall’impresa in ciascuna settimana di calendario rientrante nel periodo di osservazione assunto in sede di accertamento delle eventuali violazioni.

7. Per specifiche esigenze tecniche, le imprese possono chiedere la transcodifica dei sinistri comunicati alle banche dati. In caso di operazioni straordinarie quali fusioni, scorporio acquisizioni di portafoglio, le imprese inoltrano all’IVASS una relazione sul piano di integrazione delle basi dati coinvolte, indicando la tempistica entro cui tali operazioni saranno concluse e richiedendo le eventuali necessarie operazioni di transcodifica con riferimento ai dati già comunicati dall’impresa oggetto di fusione o scorporo oche gestiva il portafoglio acquisito.

 

Art. 8 ( Ricevimento, convalida e registrazione dei dati )

1.Il processo di gestione delle banche dati si articola nelle seguenti fasi ed attività:

a) ricevimento delle comunicazioni;

b) convalida;

c)registrazione dei dati.

2.Al ricevimento dei dati, l’IVASS verifica che gli stessi siano stati comunicati secondo le modalità previste dal Provvedimento di cui all’articolo 7, comma 1e, in caso di esito positivo, provvede alla loro convalida entro sette giorni.

3 L’IVASS, tramite le interconnessioni con le fonti dati esterne dell’archivio informatico integrato definite con il D.M. dell’11 maggio 2015,n. 108, può effettuare verifiche di congruità delle informazioni comunicate alle banche dati.

4.Quando i dati trasmessi non superano la verifica di cui al comma 2, l’IVASS ne dà informativa alle imprese di assicurazione, affinché provvedano ad una nuova comunicazione, con le necessarie integrazioni o correzioni, entro il termine di venti giorni dal ricevimento della richiesta.

5.I dati sono registrati nelle banche dati per cinque anni dalla data di definizione di ciascun sinistro.

6.Decorso il termine di cui al comma 5, i dati relativi a ciascun sinistro definito sono estratti dalle banche dati e riversati su altro supporto informatico gestito dall’IVASS. Tali dati sono comunicati dall’IVASS esclusivamente per esigenze di giustizia penale o a seguito di esercizio dei diritti degli interessati, ai sensi dell’articolo 7 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

7.Decorsi dieci anni dalla data di definizione di ciascun sinistro, i dati che permettono di identificare le persone fisiche e giuridiche coinvolte a vario titolo nei sinistri vengono cancellati; i restanti dati sono conservati su altro supporto informatico in forma anonima e non possono essere utilizzati al fine di identificare gli interessati.

8.L’IVASS può diffondere i dati a scopi statistici ed in forma aggregata per le finalità di cui all’articolo 135, comma 1, del Decreto, garantendo l’anonimato.

Capo IV –Consultazione delle banche dati

Art. 9 ( Consultazione delle imprese di assicurazione )

1. Le imprese di assicurazione, anche quando agiscono in veste di imprese designate per la liquidazione dei danni a carico del Fondo di garanzia per le vittime della strada di cui all’articolo 285 del Decreto, consultano le banche dati in fase di gestione di ciascun sinistro.

2. La consultazione di cui al comma 1 si considera effettuata con la ricezione del flusso di dati di cui all’articolo 3 del decreto del Ministro dello Sviluppo Economico e del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti 11 maggio 2015, n. 108.

3. In caso di mancata ricezione del flusso di dati di cui al comma 2,entro il termine di giorni 5dalla comunicazione dei dati all’IVASS ai sensi dell’articolo 7, l’obbligo di consultazione è assolto con le modalitàindicate all’articolo 12, commi2,lettera a),e 3o all’articolo 13, commi da 1 a 4.

4.Quando dalla consultazione emerge la sussistenza di almeno due parametri di significatività, le imprese di cui al comma 1, anche se decidono di non avvalersi della facoltà di cui all’articolo 148, comma 2 bis del decreto, acquisiscono le informazioni di cui all’articolo 13, comma 5, ed eseguono specifici approfondimenti, dandone evidenza nel fascicolo di sinistro.

5.Le imprese di assicurazione, ai sensi dell’articolo134, comma 4, del Decreto, consultano altresì la banca dati sinistri ai fini dell’acquisizione dell’attestato di rischio, limitatamente ai casi previsti dall’articolo9, comma 5, del regolamento IVASS n. 9 del 19 maggio 2015, e con riferimento ai soli “dati sinistro”di cui all’allegato 1.

6.La consultazione di cui al comma 5 è effettuata con le modalità indicate all’articolo 13, commi da 1 a 4.

 

Art. 10 ( Limiti all’esercizio del diritto di consultazione )

1. Le imprese di assicurazione, la CONSAP, l’UCI e gli altri soggetti aventi diritto, consultano le banche dati esclusivamente per le finalità di cui all’articolo 4, comma 1.

2. I soggetti terzi, consultano le banche dati esclusivamente per le finalità previste dalla legge che li ammette alla consultazione. La tipologia dei dati accessibili e le modalità tecniche di consultazione sono stabilite mediante specifiche convenzioni con l’IVASS.

3. La consultazione delle banche dati e il trattamento delle informazioni acquisite è limitato ai dati pertinenti e non eccedenti rispetto al perseguimento delle finalità di cui ai commi 1 e 2.

 

Art. 11 ( Modalità di abilitazione alla consultazione )

1.Le imprese di assicurazione, la CONSAP e l’UCI consultano le banche dati per la verifica della situazione storica collegata al caso in esame, nell’ambito del processo di gestione dei sinistri. Le imprese di assicurazione consultano la banca dati sinistri per la verifica della correttezza delle dichiarazioni rilasciate dal contraente qualora, all’atto della stipula del contratto, l’attestazione sullo stato del rischio non risulti presente nel relativo archivio disciplinato dal regolamento IVASS n. 9 del 19 maggio 2015. 2.Gli enti di cui al comma 1 comunicano all’IVASS gli estremi identificativi dei soggetti per i quali, in ragione della connessione con l’attività svolta su loro incarico, intendono richiedere l’abilitazione alla consultazione delle banche dati, con l’indicazione dei relativi requisiti e secondo le modalità previste nell’allegato

2. L’IVASS rilascia o nega l’abilitazione entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione secondo la procedura di cui all’allegato2, fornendo per ciascuno dei soggetti abilitati un distinto codice identificativo.

3.Gli enti di cui al comma 1 comunicano all’IVASS, entro cinque giorni, la perdita dei requisiti che legittimano la consultazione da parte dei soggetti abilitati.

4.Salvi comunque gli obblighi e la responsabilità degli enti di cui al comma 1, i responsabili e il personale delle strutture e degli uffici mediante i quali è effettuata la consultazione sono vincolati al segreto sugli elementi informativi acquisiti e sono personalmente responsabili per la violazione degli obblighi di riservatezza derivanti dal trattamento delle informazioni acquisite tramite consultazione delle banche dati e della loro utilizzazione o divulgazione a terzi per finalità non consentite dalla legge.

 

Art. 12 ( Modalità di consultazione da parte dei soggetti aventi diritto )

1.I soggetti aventi diritto consultano le banche dati in base alle seguenti chiavi di ricerca, utilizzate anche contestualmente: a)cognome, nome, luogo, data di nascita e codice fiscale di persone fisiche; b)ragione/denominazione sociale e partita IVA di persone giuridiche, società o altri enti collettivi; c)targhe (o numeri di telaio) dei veicoli.

2. La consultazione può avvenire secondo le seguenti modalità: a) batch, che permette l’acquisizione via file delle informazioni di cui al comma 3; b) on line , che permette l’immediata visualizzazione e stampa delle informazioni di cui al comma 4.

3. Con la consultazione batch, le banche dati forniscono, in riscontro all’inoltro via file di una lista di targhe (o numeri di telaio), di codici fiscali e di partite IVA, un file contenente il numero di sinistri presenti per ciascuna targa (o numero di telaio), codice fiscale o partita IVA immessa, nonché la valorizzazione dei relativi parametri di significatività.

4. Con la consultazione on line, le banche dati forniscono evidenza del numero dei sinistri nei quali risultino coinvolti la persona fisica, la società o l’ente collettivo (identificabile tramite il codice fiscale o la partita IVA) o il veicolo (identificabile tramite la targa o il numero di telaio) in relazione al quale è stata effettuata l’interrogazione, nonché la valorizzazione dei relativi parametri di significatività. Lebanche dati forniscono, altresì, per ciascuno dei suddetti sinistri le informazioni relative a:

a)data e luogo del sinistro;

b)targhe (o numeri di telaio) dei veicoli coinvolti;

c)denominazione delle imprese di assicurazione coinvolte;

d)ubicazione del danno alle cose;

e)presenza e tipo della lesione in caso di danno alla persona;

f)pagamenti per danni a cose e/o persone determinati dal sinistro; g)elementi identificativi (eventualmente correlati con il codice fiscale o la partita IVA) dei soggettia vario titolo coinvolti ed i rispettivi ruoli, come individuati ai sensi dell’articolo 6, comma 2, lettere b), c), d), f), g), h), j).

 

Art. 13 ( Modalità di consultazione da parte delle imprese di assicurazione, della CONSAP e dell’UCI )

1.Le imprese di assicurazione, la CONSAP e l’UCI consultano le banche dati in base alle seguenti chiavi di ricerca, utilizzate anche contestualmente:

a)cognome, nome, luogo, data di nascita e codice fiscale di persone fisiche;

b)ragione/denominazione sociale e partita IVA di persone giuridiche, società o altri enti collettivi;

c)targhe (o numeri di telaio) dei veicoli. 2.

3. I soggetti abilitati di cui all’articolo 11, comma 2 avviano la consultazione delle banche dati indicando:

a) il numero di sinistro in relazione al quale richiedono la consultazione, in caso di accesso ai sensi dell’articolo9, comma 1;

b) il numero della polizza, in caso di accesso ai sensi dell’articolo9, comma 5. La consultazione avviene in modalità on line perconsentire l’immediata visualizzazione estampa delle informazioni di cui al comma 4, nonché di quelle di cui al comma 5, al ricorrere delle condizioni previste dallo stesso comma.

4.Con la consultazione on line, le banche dati forniscono evidenza del numero dei sinistri nei quali risultino coinvolti la persona fisica, la società o l’ente collettivo (identificabile tramite il codice fiscale o la partita IVA) o il veicolo (identificabile tramite la targa o il numero di telaio) in relazione al quale è stata effettuata l’interrogazione, nonché la valorizzazione dei relativi parametri di significatività. Sono altresì fornite le informazioni su:

a)data e luogo del sinistro;

b)tipologia dei danni occorsi (a cose, a persone, misti); c)data dei pagamenti, per la specifica tipologia di danno;

d)ruolo del veicolo o del soggetto circa la responsabilità nel sinistro (responsabileo danneggiato)ed eventuale grado di responsabilità;

e)indicazione del ruolo del soggetto nel sinistro (conducente, proprietario o contraente del veicolo; testimone; terzo; ecc.).

5.Con ulteriore consultazione on line, effettuabile solo in caso di accesso ai sensi dell’articolo 9, comma 1,nonché di valorizzazione di almeno due parametri di significatività , le banche dati sono, altresì, in grado di fornire, per ciascuno dei sinistri, le informazioni relative a:

a)targhe (o numeri di telaio) dei veicoli coinvolti;

b)denominazione delle imprese di assicurazione coinvolte;

c)ubicazione del danno alle cose;

d)presenza e tipo della lesione in caso di danno alla persona;

e)elementi identificativi (eventualmente correlati con il codice fiscale o la partita IVA) dei soggetti a vario titolo coinvolti ed i rispettivi ruoli, come individuati ai sensi dell’articolo 6, comma 2, lettere b), c), d), f), g), h), j).

6.Previa attivazione di funzionalità appositamente tracciate dal sistema informatico, la consultazione dei dati di cui al comma 5 può, altresì, essere effettuata in presenza di elementi significativi sotto il profilo della potenziale esistenza di comportamenti fraudolenti, anche in esito alla trasmissione dei flussi di cui al decreto del Ministro dello Sviluppo Economico e del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti 11 maggio 2015, n. 108.

 

Art. 14 ( Tracciatura delle consultazioni )

1.Ogni consultazione delle banche dati è registrata e memorizzata dall’IVASS, con l’indicazione del codice identificativo del soggetto che ha effettuato la consultazione, della data e dell’ora della consultazione, delle chiavi di ricerca, del numero di sinistro e dei dati consultati.

2.L’IVASS esegue controlli sulle consultazioni effettuate dai soggetti abilitati, anche attraverso verifiche periodiche a campione.

3.In caso di consultazione irregolare, l’IVASS sospende o revoca l’abilitazione del soggetto cui la stessa è riconducibile mediante il codice identificativo.

4.In caso di consultazione illegittima delle banche dati, l’IVASS può sospendere dalla consultazione i soggetti abilitati anche quando è configurabile una corresponsabilità degli stessi per omesso controllo o per disfunzioni organizzative tali da aver consentito la sistematica reiterazione della violazione da parte di altri soggetti che operano o hanno operato per proprio conto.

 

Capo V –Diritti degli interessati

Art. 15 ( Modalità di esercizio )

1.Gli interessati di cui all’articolo 2, comma 1, lettera g) possono esercitare presso l’IVASS il diritto di accesso ai dati personali contenuti nelle banche dati, ai sensi dell’articolo 7 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

 

Capo VI -Disposizioni transitorie e finali

Art. 16 ( Trasferimento dei dati )

1.I dati che, alla data di entrata in vigore del presente Regolamento, sono contenuti nella banca dati sinistri, di cui al previgente articolo 135 del Decreto, sono trasferiti nella banca dati sinistri, nella banca dati anagrafe danneggiati e nella banca dati anagrafe testimoni, di cui all’articolo 135 del Decreto, così come modificato dall’articolo 32 del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito con modificazioni in legge 24 marzo 2012, n. 27.

 

Art. 17 ( Modifiche al Regolamento ISVAP n. 13 del 6 febbraio 2008 )

1. Nel foglio “Altre informazioni” del modello di denuncia di sinistro di cui all’allegato 2 al Regolamento ISVAP n. 13 del 6 febbraio 2008, le parole “richieste ai sensi dell’articolo 135 del D.lgs. n. 209 del 2005 –Codice delle assicurazioni private” sono sostituite dalle parole: “richieste ai sensi dell’articolo 135 del D.lgs. 7 settembre 2005, n. 209 –Codice delle assicurazioni private per l’alimentazione della banca dati sinistri, della banca dati anagrafe testimoni e della banca dati anagrafe danneggiati, istituite per la prevenzione e il contrasto delle frodi nel settore dell’assicurazione r.c.auto. I dati personali sono trattati dall’IVASS per le finalità di leggeed in conformità alla legge sulla Privacy”.

 

Art. 18 ( Abrogazioni )

1. Dalla data di entrata in vigore del presente Regolamento sono abrogate le disposizioni di cui al Regolamento ISVAP n. 31 del 1° giugno 2009, dei provvedimenti ISVAP n. 2808 del 21 giugno 2010 e n. 2998 del 10 agosto 2012 nonché il provvedimento IVASS n. 15 del 4 febbraio 2014. 2. Restano abrogati:

a) il provvedimento ISVAP n. 1764 del 21 dicembre 2000;

b) il provvedimento ISVAP n. 2065 del 15 marzo 2002;

c) il provvedimento ISVAP n. 2179 del 10 marzo 2003;

d) l’articolo 5 del provvedimento ISVAP n. 2495 del 21 dicembre 2006;

e) la circolare ISVAP n. 444 del 7 maggio 2001;

f) la circolare ISVAP n. 505 del 23 maggio 2003.

3. Fino alla data di emanazione del Provvedimento di cui all’articolo7, comma 1, la materia continua ad essere regolata dal provvedimento ISVAP n. 2826.

Art. 19 ( Pubblicazione )

1. Il presente Regolamento è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana, nel Bollettino e nel sito internet dell’IVASS.

Art. 20 ( Entrata in vigore )

1. Il presente Regolamento entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

 

ALLEGATO 1
(Art. 6, comma 2 del Regolamento)

DATI RELATIVI AI SINISTRI

Tutti gli elementi elencati nel presente Allegato sono rilevanti ai fini di una corretta alimentazione delle banche dati e coincidono con quelli presenti nel fascicolo del sinistro gestito dall’impresa ovvero annotati, in costanza dell’obbligo, sui registri assicurativi di cui al Regolamento IVASS n. 27, del 14 ottobre 2008.

Con riferimento ai DATI SINISTRO

N.

INFORMAZIONI RICHIESTE

DESCRIZIONE

1

Codice impresa

Codice IVASS dell’impresa che comunica il sinistro

2

Numero sinistro

Numero identificativo del sinistro

3

Data accadimento

Data di accadimento del sinistro

4

Data denuncia

Data di denuncia del sinistro

5

Data definizione

Data di definizione del sinistro (da indicare solo in caso di chiusura del sinistro con pagamento o senza seguito)

6

Luogo di accadimento

Luogo in cui si è verificato il sinistro. Comune, se in Italia, ovvero lo stato estero.

7

Danno a cose

Indica la presenza di danni a cose (veicoli, cose diverse da veicoli o animali)

7bis

Partite di danno a cose

Ai sensi dell’art. 9, comma 5, del regolamento, è indicata la data del primo pagamento per danni a cose e dell’eventuale percentuale di concorso di colpa. Nel caso il responsabile del sinistro rimborsi l’impresa debitrice per tali danni, il campo non è valorizzato.

8

Lesioni fisiche

Indica la presenza di danni a persone

8bis

Definizione partite di danno a persone

Ai sensi dell’art. 9, comma 5, del regolamento, è indicata la data del primo pagamento per danni a persone e dell’eventuale percentuale di concorso di colpa. Nel caso il responsabile del sinistro rimborsi l’impresa debitrice per tali danni, il campo non è valorizzato.

14

9

Tipo invio sinistro

Indica il tipo di comunicazione (primo invio del sinistro, invio successivo, invio per cancellazione del sinistro)

10

Autorità intervenuta

Indica l’eventuale Autorità intervenuta

Con riferimento al VEICOLO DANNEGGIATO NON RESPONSABILE

DATI PROPRIETARIO

11

Causale trattazione

Indica il tipo di trattazione della singola partita di danno (ex art. 148 o art. 141 o art. 149 o art. 283 del CAP), ovvero la circostanza per cui non compete alcun risarcimento

12

Tipo operazione

Indica lo stato della singola partita di danno (Aperta, Chiusa con pagamento, Chiusa senza seguito, Riaperta)

13

ID persona

Codice d’identificazione della specifica persona nell’ambito del sinistro

14

Codice danno

Indica la tipologia di danno subito (alle cose, alla persona), ovvero se la trattazione si riferisce alla persona che si surroga nei diritti del proprietario, o che agisce in rivalsa

15

ID veicolo

Codice d’identificazione del veicolo di cui il soggetto è proprietario

16

Cognome/Denominazione

Cognome/Denominazione del proprietario

17

Nome

Nome del proprietario

18

Data di nascita

Data di nascita del proprietario

19

Luogo di nascita

Luogo di nascita del proprietario

20

Codice Fiscale/Partita IVA

Codice fiscale/Partita IVA del proprietario

DATI CONTRAENTE (se diverso dal proprietario)

21

Causale trattazione

Indica il tipo di trattazione della singola partita di danno (ex art. 148 o art. 141 o art. 149 o art. 283 del CAP), ovvero la circostanza per cui non compete alcun risarcimento

22

Tipo operazione

Indica lo stato della singola partita di danno (Aperta, Chiusa con pagamento, Chiusa senza seguito, Riaperta)

23

ID persona

Codice d’identificazione della specifica persona nell’ambito del sinistro

24

Codice danno

Indica la tipologia di danno subito (alle cose, alla persona), ovvero se la trattazione si riferisce alla persona che si surroga nei diritti del contraente, o che agisce in rivalsa

25

ID veicolo

Codice d’identificazione del veicolo per cui il soggetto è il contraente

26

Cognome/Denominazione

Cognome/Denominazione del contraente

27

Nome

Nome del contraente

28

Data di nascita

Data di nascita del contraente

29

Luogo di nascita

Luogo di nascita del contraente

30

Codice Fiscale/Partita IVA

Codice fiscale/Partita IVA del contraente

DATI CONDUCENTE (se diverso dal proprietario e dal contraente)

31

Causale trattazione

Indica il tipo di trattazione della singola partita di danno (ex art. 148 o art. 141 o art. 149 o art. 283 del CAP), ovvero la circostanza per cui non compete alcun risarcimento

32

Tipo operazione

Indica lo stato della singola partita di danno (Aperta, Chiusa con pagamento, Chiusa senza seguito, Riaperta)

33

ID persona

Codice d’identificazione della specifica persona nell’ambito del sinistro

34

Codice danno

Indica la tipologia di danno subito (alle cose, alla persona), ovvero se la trattazione si riferisce alla persona che si surroga nei diritti del conducente, o che agisce in rivalsa

35

ID veicolo

Codice d’identificazione del veicolo di cui il soggetto è il conducente

36

Cognome

Cognome del conducente

37

Nome

Nome del conducente

38

Data di nascita

Data di nascita del conducente

39

Luogo di nascita

Luogo di nascita del conducente

40

Codice Fiscale/Partita IVA

Codice fiscale/Partita IVA del conducente

DATI RESPONSABILE CIRCOLAZIONE (in alternativa al proprietario, solo per ciclomotori immatricolati fino al 14 luglio 2006)

41

Causale trattazione

Indica il tipo di trattazione della singola partita di danno (ex art. 148 o art. 141 o art. 149 o art. 283 del CAP), ovvero la circostanza per cui non compete alcun risarcimento

42

Tipo operazione

Indica lo stato della singola partita di danno (Aperta, Chiusa con pagamento, Chiusa senza seguito, Riaperta)

43

ID persona

Codice d’identificazione della specifica persona nell’ambito del sinistro

44

Codice danno

Indica la tipologia di danno subito (alle cose, alla persona), ovvero se la trattazione si riferisce alla persona che si surroga nei diritti del responsabile della circolazione, o che agisce in rivalsa

45

ID veicolo

Codice d’identificazione del veicolo di cui il soggetto è il responsabile della circolazione

46

Contrassegno d’identificazione (targhino)

Contrassegno d’identificazione rilasciato al responsabile della circolazione

47

Cognome/Denominazione

Cognome/Denominazione del responsabile della circolazione

48

Nome

Nome del responsabile della circolazione

49

Data di nascita

Data di nascita del responsabile della circolazione

50

Luogo di nascita

Luogo di nascita del responsabile della circolazione

51

Codice Fiscale/Partita IVA

Codice fiscale/Partita IVA Responsabile della circolazione

DATI TERZO TRASPORTATO (diverso dal conducente)

52

Causale trattazione

Indica il tipo di trattazione della singola partita di danno (ex art. 148 o art. 141 o art. 149 o art. 283 del CAP), ovvero la circostanza per cui non compete alcun risarcimento

53

Tipo operazione

Indica lo stato della singola partita di danno (Aperta, Chiusa con pagamento, Chiusa senza seguito, Riaperta)

54

ID persona

Codice d’identificazione della specifica persona nell’ambito del sinistro

55

Codice danno

Indica la tipologia di danno subito (alle cose, alla persona), ovvero se la trattazione si riferisce alla persona che si surroga nei diritti del terzo trasportato, o che agisce in rivalsa

56

ID veicolo

Codice d’identificazione del veicolo a bordo del quale il soggetto e’ trasportato

57

Cognome

Cognome del terzo trasportato

58

Nome

Nome del terzo trasportato

59

Data di nascita

Data di nascita del terzo trasportato

60

Luogo di nascita

Luogo di nascita del terzo trasportato

61

Codice Fiscale/Partita IVA

Codice fiscale/Partita IVA del terzo trasportato

DATI IDENTIFICATIVI DEL VEICOLO e DANNI SUBITI

62

Codice Impresa

Codice IVASS dell’impresa che assicura il veicolo non responsabile

63

Targa Veicolo

Targa del veicolo non responsabile

64

Telaio Veicolo

Telaio del veicolo (se la targa non è prescritta, o per i ciclomotori immatricolati fino al 14 luglio 2006)

65

Marca veicolo

Casa costruttrice del veicolo/ciclomotore

66

Modello veicolo

Modello del veicolo/ciclomotore

67

Ubicazione danno materiale

Indicazione dell’ubicazione del danno materiale

68

Flag Coerenza

Indica: la coerenza del danno subito con la dinamica del sinistro; la prossimità della data del sinistro con l’inizio o la fine della validità del contratto assicurativo (primi 15 giorni o ultimi 15 giorni)

69

Tipo Veicolo

Tipologia del veicolo non responsabile

70

Tipo Targa

Tipologia della targa del veicolo non responsabile

71

Flag Responsabilità

Indica che il veicolo non è responsabile del sinistro (ciò anche in caso di concorso di colpa, con riferimento alla partita di danno in corso di trattazione)

Con riferimento al VEICOLO RESPONSABILE

DATI PROPRIETARIO

72

Causale trattazione

Indica il tipo di trattazione della singola partita di danno

73

Tipo operazione

Indica lo stato della singola partita di danno

74

ID persona

Codice d’identificazione della specifica persona nell’ambito del sinistro

75

Codice danno

Indica la tipologia di danno

76

ID veicolo

Codice d’identificazione del veicolo di cui il soggetto è proprietario

77

Cognome/Denominazione

Cognome/Denominazione del proprietario

78

Nome

Nome del proprietario

79

Data di nascita

Data di nascita del proprietario

80

Luogo di nascita

Luogo di nascita del proprietario

81

Codice Fiscale/Partita IVA

Codice fiscale/Partita IVA del proprietario

DATI CONTRAENTE (se diverso dal proprietario)

82

Causale trattazione

Indica il tipo di trattazione della singola partita di danno

83

Tipo operazione

Indica lo stato della singola partita di danno

84

ID persona

Codice d’identificazione della specifica persona nell’ambito del sinistro

85

Codice danno

Indica la tipologia di danno

86

ID veicolo

Codice d’identificazione del veicolo per cui il soggetto è il contraente

87

Cognome/Denominazione

Cognome/Denominazione del contraente

88

Nome

Nome del contraente

89

Data di Nascita

Data di nascita del contraente

90

Luogo di Nascita

Luogo di nascita del contraente

91

Codice Fiscale/Partita IVA

Codice fiscale/Partita IVA del contraente

DATI CONDUCENTE (se diverso dal proprietario e dal contraente)

92

Causale trattazione

Indica il tipo di trattazione della singola partita di danno

93

Tipo operazione

Indica lo stato della singola partita di danno

94

ID persona

Codice d’identificazione della specifica persona nell’ambito del sinistro

95

Codice danno

Indica la tipologia di danno

96

ID veicolo

Codice d’identificazione del veicolo di cui il soggetto è il conducente

97

Cognome

Cognome conducente

98

Nome

Nome conducente

99

Data di nascita

Data di nascita conducente

100

Luogo di nascita

Luogo di nascita conducente

101

Codice Fiscale

Codice fiscale del conducente

DATI RESPONSABILE CIRCOLAZIONE (in alternativa al proprietario, solo per ciclomotori immatricolati fino al 14 luglio 2006)

102

Causale trattazione

Indica il tipo di trattazione della singola partita di danno

103

Tipo operazione

Indica lo stato della singola partita di danno

104

ID persona

Codice d’identificazione della specifica persona nell’ambito del sinistro

105

Codice danno

Indica la tipologia di danno

106

ID veicolo

Codice d’identificazione del veicolo di cui il soggetto è il responsabile della circolazione

107

Contrassegno d’identificazione (targhino)

Numero del targhino

108

Cognome/Denominazione

Cognome/Denominazione del responsabile della circolazione

109

Nome

Nome del responsabile della circolazione

110

Data di nascita

Data di nascita del responsabile della circolazione

111

Luogo di nascita

Luogo di nascita del responsabile della circolazione

112

Codice Fiscale/Partita IVA

Codice fiscale/Partita IVA Responsabile della circolazione

DATI TERZO TRASPORTATO (diverso dal conducente)

113

Causale trattazione

Indica il tipo di trattazione della singola partita di danno

114

Tipo operazione

Indica lo stato della singola partita di danno

115

ID persona

Codice d’identificazione della specifica persona nell’ambito del sinistro

116

Codice danno

Indica la tipologia di danno subito (alle cose, alla persona), ovvero se la trattazione si riferisce alla persona che si surroga nei diritti del terzo trasportato, o che agisce in rivalsa

117

ID veicolo

Codice d’identificazione del veicolo a bordo del quale il soggetto e’ trasportato

118

Cognome

Cognome del terzo trasportato

119

Nome

Nome del terzo trasportato

120

Data Nascita

Data di nascita del terzo trasportato

121

Luogo di Nascita

Luogo di nascita del terzo trasportato

122

Codice Fiscale/Partita IVA

Codice fiscale/Partita IVA del terzo trasportato

DATI TERZO NON TRASPORTATO

123

Causale trattazione

Indica il tipo di trattazione della singola partita di danno

124

Tipo operazione

Indica lo stato della singola partita di danno

125

ID persona

Codice d’identificazione della specifica persona nell’ambito del sinistro

126

Codice danno

Indica la tipologia di danno subito (alle cose, alla persona), ovvero se la trattazione si riferisce alla persona che si surroga nei diritti del terzo non trasportato

127

ID veicolo

Codice d’identificazione del veicolo responsabile del danno al terzo

128

Cognome/Denominazione

Cognome/Denominazione del terzo danneggiato

129

Nome

Nome del terzo danneggiato

130

Data Nascita

Data di nascita del terzo danneggiato

131

Luogo di Nascita

Luogo di nascita del terzo danneggiato

132

Codice Fiscale/Partita IVA

Codice Fiscale/Partita IVA terzo danneggiato

DATI IDENTIFICATIVI DEL VEICOLO e DANNI SUBITI

133

Codice impresa

Codice IVASS dell’impresa che assicura il veicolo responsabile

134

Targa veicolo

Targa del veicolo responsabile

135

Telaio veicolo

Telaio del veicolo (se la targa non è prescritta, o per i ciclomotori immatricolati fino al 14 luglio 2006)

136

Marca veicolo

Casa costruttrice del veicolo/ciclomotore

137

Modello veicolo

Modello del veicolo/ciclomotore

138

Ubicazione danno materiale

Indicazione dell’ubicazione del danno materiale

139

Flag Coerenza

Indica: la coerenza del danno subito con la dinamica del sinistro; la prossimità della data del sinistro con l’inizio o la fine della validità del contratto assicurativo (primi 15 giorni o ultimi 15 giorni)

140

Tipo veicolo

Tipologia del veicolo responsabile

141

Tipo targa

Tipologia della targa del veicolo responsabile

142

Flag responsabilità

Indica che il veicolo è responsabile del sinistro (ciò anche in caso di concorso di colpa, con riferimento alla modalità di trattazione del sinistro)

Con riferimento al TESTIMONE

TESTIMONE

143

ID persona

Riporta il codice d’identificazione della persona danneggiata o responsabile cui è riferita la testimonianza, ovvero indica che la testimonianza è superpartes

144

Cognome

Cognome del testimone

145

Nome

Nome del testimone

146

Data di nascita

Data di nascita del testimone

147

Luogo di nascita

Luogo di nascita del testimone

148

Codice Fiscale

Codice fiscale del testimone

Con riferimento alle ALTRE FIGURE coinvolte nel sinistro

PERITO

149

ID persona

Codice d’identificazione della persona danneggiata (o responsabile) cui è riferita la perizia (per le perizie al veicolo, è indicato il codice che ne identifica il proprietario)

150

Cognome

Cognome del perito

151

Nome

Nome del perito

152

Data di nascita

Data di nascita del perito

153

Luogo di nascita

Luogo di nascita del perito

154

Codice Fiscale/Partita IVA

Codice Fiscale/Partita IVA del perito

CARROZZERIA/OFFICINA NON CONVENZIONATA CON L’IMPRESA ASSICURATIVA

155

ID persona

Codice d’identificazione della persona danneggiata cui è riferito il veicolo oggetto delle riparazioni

156

Denominazione

Denominazione dell’officina di riparazione

157 Indirizzo Sede dell’officina di riparazione

158

Cognome

Cognome del titolare dell’officina di riparazione

159

Nome

Nome del titolare dell’officina di riparazione

160

Data di nascita

Data di nascita del titolare dell’officina di riparazione

161

Luogo di nascita

Luogo di nascita del titolare dell’officina di riparazione

162

Codice Fiscale/Partita IVA

Codice Fiscale/Partita IVA dell’officina di riparazione

CARROZZERIA/OFFICINA CONVENZIONATA CON L’IMPRESA ASSICURATIVA

163

ID persona

Codice d’identificazione della persona danneggiata cui è riferito il veicolo oggetto delle riparazioni

164

Denominazione

Denominazione dell’officina di riparazione convenzionata

165

Indirizzo

Sede dell’officina di riparazione convenzionata

166

Cognome

Cognome del titolare dell’officina di riparazione convenzionata

167

Nome

Nome del titolare dell’officina di riparazione convenzionata

168

Data di nascita

Data di nascita del titolare dell’officina di riparazione convenzionata

169

Luogo di nascita

Luogo di nascita del titolare dell’officina di riparazione convenzionata

170

Codice Fiscale/Partita IVA

Codice Fiscale/Partita IVA dell’officina di riparazione convenzionata

MEDICO O STRUTTURE DIAGNOSTICHE O TERAPICHE DI CONTROPARTE

171

ID persona

Codice d’identificazione della persona danneggiata cui è riferita la certificazione

172

Cognome/Denominazione

Cognome/Denominazione del medico di controparte

173

Nome

Nome del medico di controparte

174

Data di nascita

Data di nascita del medico di controparte

175

Luogo di nascita

Luogo di nascita del medico di controparte

176 Codice Fiscale/Partita IVA Codice Fiscale/Partita IVA del medico di controparte

LEGALE O STUDIO DI INFORTUNISTICA CONTROPARTE

177

ID persona

Codice d’identificazione della persona danneggiata cui è riferito il patrocinio

178

Cognome/Denominazione

Cognome del patrocinatore/Denominazione studio infortunistica

179

Nome

Nome del patrocinatore

180

Data Nascita

Data di nascita del patrocinatore

181

Luogo di Nascita

Luogo di nascita del patrocinatore

182

Codice Fiscale/Partita IVA

Codice Fiscale/Partita IVA del patrocinatore

MEDICO FIDUCIARIO

183

ID persona

Codice d’identificazione della persona danneggiata cui è riferita la certificazione

184

Cognome

Cognome del medico fiduciario dell’impresa

185

Nome

Nome del medico fiduciario dell’impresa

186

Data Nascita

Data di nascita del medico fiduciario dell’impresa

187

Luogo di Nascita

Luogo di nascita del medico fiduciario dell’impresa

188

Codice Fiscale/Partita IVA

Codice Fiscale/Partita IVA del medico fiduciario dell’impresa

LEGALE FIDUCIARIO

189

ID persona

Codice d’identificazione della persona danneggiata (o responsabile) cui è riferita la difesa

190

Cognome

Cognome del legale fiduciario

191

Nome

Nome del legale fiduciario

192

Data Nascita

Data di nascita del legale fiduciario

193

Luogo di Nascita

Luogo di nascita del legale fiduciario

194

Codice Fiscale/Partita IVA

Codice Fiscale/Partita IVA del legale fiduciario

ASSICURATORE SOCIALE

DATORE DI LAVORO

195

ID persona

Codice d’identificazione della persona danneggiata cui è riferita la surroga/rivalsa

196

Denominazione

Denominazione dell’assicuratore sociale

197

Codice Fiscale/Partita IVA

Codice Fiscale/Partita IVA dell’assicuratore sociale

198

ID persona

Codice d’identificazione della persona cui è riferita l’azione del datore di lavoro

199

Cognome/Denominazione

Cognome/Denominazione del datore di lavoro

200

Nome

Nome del datore di lavoro

201

Data Nascita

Data di nascita del datore di lavoro

202

Luogo di Nascita

Luogo di nascita del datore di lavoro

203

Codice Fiscale/Partita IVA

Codice Fiscale/Partita IVA del datore di lavoro

Con riferimento al BENEFICIARIO ed al PAGAMENTO

204

ID persona

Codice d’identificazione della persona danneggiata

205

Cognome/Denominazione Beneficiario

Cognome/Denominazione del beneficiario del pagamento. I dati anagrafici relativi al beneficiario sono alimentati anche nel caso in cui esso coincida con la persona individuata con ID persona

206

Nome Beneficiario

Nome del beneficiario del pagamento. I dati anagrafici relativi al beneficiario sono alimentati anche nel caso in cui esso coincida con la persona individuata con ID persona

207

Data di nascita Beneficiario

Data di nascita del beneficiario del pagamento. I dati anagrafici relativi al beneficiario sono alimentati anche nel caso in cui esso coincida con la persona individuata con ID persona

208

Luogo di nascita Beneficiario

Luogo di nascita del beneficiario del pagamento. I dati anagrafici relativi al beneficiario sono alimentati anche nel caso in cui esso coincida con la persona individuata con ID persona

209

Codice fiscale/Partita IVA Beneficiario

Codice fiscale/Partita IVA del beneficiario del pagamento. I dati anagrafici relativi al beneficiario sono alimentati anche nel caso in cui esso coincida con la persona individuata con ID persona

210

Tipo Danno

Tipologia del danno cui si riferisce il pagamento (danno al veicolo; danno a cose diverse da veicolo od animali; danno a persona; azione di surroga/rivalsa)

211

Percentuale in concorso di colpa

Indica se il soggetto cui si riferisce il pagamento ha diritto al risarcimento integrale, ovvero ridotto, in ragione di un concorso di colpa. Indica la percentuale di responsabilità (e dunque di riduzione del risarcimento) del danneggiato

212

Importo Pagamento

Importo del pagamento

213

Data Pagamento

Data del pagamento

Con riferimento alle LESIONI ALLE PERSONE

214

ID persona

Codice d’identificazione della persona lesa

215

Tipo danno

Tipologia e sede del danno subito dalla persona lesa

216

Percentuale invalidità permanente

Indica se la lesione ha arrecato danni permanenti al soggetto e in quale misura percentuale

217

Pronto soccorso

Codice del Ministero della Salute che individua la struttura sanitaria presso la quale il soggetto leso è stato soccorso/ricoverato

218

Decesso

Indica se si è verificato il decesso del soggetto leso

Ripartizione logica dei dati dei sinistri comunicati dalle imprese di assicurazione ai fini delle consultazioni degli archivi Anagrafe testimoni e Anagrafe danneggiati

Anagrafe Testimoni

Oltre ai dati anagrafici delle persone che risulta abbiano reso testimonianza, viene data la possibilità di acquisire alcuni dati elementari identificativi ed esplicativi del sinistro.

DATI del SINISTRO

1

Codice impresa

Codice IVASS dell’impresa che comunica il sinistro

2

Numero sinistro

Numero identificativo del sinistro

3

Data accadimento

Data di accadimento del sinistro

4

Data denuncia

Data di denuncia del sinistro

5

Data definizione

Data di definizione del sinistro (da indicare solo in casa di chiusura del sinistro con pagamento o senza seguito)

6

Luogo di accadimento

Luogo in cui si è verificato il sinistro. Comune, se in Italia, ovvero lo stato estero.

7

Danno a cose

Indica la presenza di danni a cose (veicoli, cose diverse da veicoli o animali)

8

Lesioni fisiche

Indica la presenza di danni a persone

9

Tipo invio sinistro

Indica il tipo di comunicazione (primo invio del sinistro, invio successivo, invio per cancellazione del sinistro)

10

Autorità intervenuta

Indica l’eventuale Autorità intervenuta

DATI del TESTIMONE

11

Cognome

Cognome del testimone

12

Nome

Nome del testimone

13

Data di nascita

Data di nascita del testimone

14

Luogo di nascita

Luogo di nascita del testimone

15

Codice Fiscale

Codice fiscale del testimone

Anagrafe Danneggiati

Oltre ai dati anagrafici delle persone che danneggiate nell’incidente stradale, viene data la possibilità di acquisire alcuni dati elementari identificativi ed esplicativi del sinistro.

DATI del SINISTRO

1

Codice impresa

Codice IVASS dell’impresa che comunica il sinistro

2

Numero sinistro

Numero identificativo del sinistro

3

Data accadimento

Data di accadimento del sinistro

4

Data denuncia

Data di denuncia del sinistro

5

Data definizione

Data di definizione del sinistro (da indicare solo in casa di chiusura del sinistro con pagamento o senza seguito)

6

Luogo di accadimento

Luogo in cui si è verificato il sinistro. Comune, se in Italia, ovvero lo stato estero.

7

Danno a cose

Indica la presenza di danni a cose (veicoli, cose diverse da veicoli o animali)

8

Lesioni fisiche

Indica la presenza di danni a persone

9

Tipo invio sinistro

Indica il tipo di comunicazione (primo invio del sinistro, invio successivo, invio per cancellazione del sinistro)

10

Autorità intervenuta

Indica l’eventuale Autorità intervenuta

DATI PROPRIETARIO del veicolo o delle altre cose danneggiate (danni a cose)

11

Causale trattazione

Indica il tipo di trattazione della singola partita di danno (ex art. 148 o art. 141 o art. 149 o art. 283 del CAP), ovvero la circostanza per cui non compete alcun risarcimento

12

Tipo operazione

Indica lo stato della singola partita di danno (Aperta, Chiusa con pagamento, Chiusa senza seguito, Riaperta)

13

Codice danno

Indica la tipologia di danno subito (alle cose, alla persona), ovvero se la trattazione si riferisce alla persona che si surroga nei diritti del proprietario, o che agisce in rivalsa

14

Cognome/Denominazione

Cognome/Denominazione del proprietario

15

Nome

Nome del proprietario

16

Data di nascita

Data di nascita del proprietario

17

Luogo di nascita

Luogo di nascita del proprietario

18

Codice Fiscale/Partita IVA

Codice fiscale/Partita IVA del proprietario

DATI DEL SOGGETTO LESO (danni a persona)

19

Causale trattazione

Indica il tipo di trattazione della singola partita di danno

20

Tipo operazione

Indica lo stato della singola partita di danno

21

Codice danno

Indica la tipologia di danno subito (alle cose, alla persona), ovvero se la trattazione si riferisce alla persona che si surroga nei diritti del terzo non trasportato

22

Cognome/Denominazione

Cognome/Denominazione del terzo danneggiato

23

Nome

Nome del terzo danneggiato

24

Data Nascita

Data di nascita del terzo danneggiato

25

Luogo di Nascita

Luogo di nascita del terzo danneggiato

26

Codice Fiscale/Partita IVA

Codice Fiscale/Partita IVA terzo danneggiato

27

Tipo danno

Tipologia e sede del danno subito dalla persona lesa

28

Percentuale invalidità permanente

Indica se la lesione ha arrecato danni permanenti al soggetto e in quale misura percentuale

29

Pronto soccorso

Codice del Ministero della Salute che individua la struttura sanitaria presso la quale il soggetto leso è stato soccorso/ricoverato

30

Decesso

Indica se si è verificato il decesso del soggetto leso

 

ALLEGATO 2

(Articolo 11, comma 2, del Regolamento)

CONDIZIONI DI ACCESSO E MODALITA’ DI CONSULTAZIONE DA PARTE DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE, DELLA CONSAP E DELL’UCI

1. PROCEDURA DI ABILITAZIONE

1.1 Richiesta di abilitazione.

L’impresa invia all’IVASS, a firma del legale rappresentante o di altra persona alla quale il legale rappresentante abbia conferito procura speciale, la richiesta di abilitazione.

Nel caso si tratti di prima istanza a firma del rappresentante che la sottoscrive, sarà contestualmente inoltrata anche copia, o stralcio, della relativa procura speciale.

Unitamente alla suddetta richiesta, l’impresa provvede ad inviare per via telematica le informazioni anagrafiche relative ai propri dipendenti, alle unità organizzative in cui gli stessi operano, ai responsabili di queste ultime.

La suddetta documentazione va trasmessa dalla casella di posta elettronica certificata dell’impresa alla casella studi.gestionedati@pec.ivass.it.

Nei casi in cui l’impresa di assicurazione intenda far ricorso all’attività di comitati antifrode, anche nell’ambito di uno stesso Gruppo, è consentita a detti comitati la consultazione della banca dati sulla base di una delega operativa rilasciata ai medesimi dall’impresa istante.

1.1.1 La nota a firma del rappresentante dell’impresa

Nella nota l’impresa specifica:

–  i nominativi dei soggetti per i quali è richiesta l’abilitazione;

–  l’attività da essi svolta e in connessione alla quale è richiesta l’abilitazione; va inparticolare indicato se l’accesso è riferito alla fase di liquidazione del sinistro ovvero a quella della verifica della correttezza delle dichiarazioni precontrattuali ai fini del rilascio dell’attestazione di rischio.

Nel caso di attività esternalizzate l’impresa osserva le stesse indicazioni previste per i propri dipendenti.

1.1.2 Comunicazione telematica delle informazioni sui responsabili

Con il supporto informatico messo a disposizione dall’Istituto per il download e secondo le istruzioni operative fornite nel sito istituzionale dell’IVASS, l’impresa comunica le informazioni sugli uffici di appartenenza dei singoli soggetti che intende abilitare ovvero sulla società affidataria del servizio esternalizzato cui fanno capo i soggetti che intende abilitare.

In particolare, l’impresa indica la struttura nella quale operano i soggetti per i quali richiede l’abilitazione, nonché i rapporti di dipendenza per i soggetti non responsabili dell’ufficio.

Per ogni singolo dipendente sono fornite le informazioni anagrafiche e, in particolare, sono indicati la tipologia di accesso ad essi riservata e l’indirizzo e-mail cui verrà spedita la password assegnata dall’IVASS.

1.2 Rilascio dell’abilitazione.

L’IVASS, entro trenta giorni lavorativi dal ricevimento della richiesta:

  1. a)  in presenza di tutti gli elementi di cui al paragrafo 1.1, rilascia le abilitazioni e comunica alla casella di posta elettronica certificata dell’impresa l’accoglimento dell’istanza, con indicazione delle user-ID dei soggetti autorizzati all’accesso; inoltre invia con mail separata a ciascun soggetto abilitato, attraverso procedure idonee a salvaguardare la segretezza del dato, le relative password riservate, personali e incedibili. L’impresa avrà cura di comunicare a ciascun utente la user-ID assegnata, osservando opportune misure di riservatezza;
  2. b)  nel caso in cui vengano riscontrate lacune od imperfezioni di carattere formale nella documentazione trasmessa, invita ad apportare le necessarie rettifiche od integrazioni entro un ulteriore termine di trenta giorni, decorso il quale, e in assenza di una comunicazione valida, l’abilitazione non viene concessa;
  3. c)  ove non sussistano i requisiti, non rilascia l’abilitazione e lo comunica all’impresa.
 

1.3 Efficacia dell’abilitazione.

Una volta ottenute la user-ID e la password l’utente abilitato può attivare il primo collegamento, all’atto del quale dovrà modificare la password temporanea assegnatagli.

Ciascuna abilitazione è concessa a tempo indeterminato, ma cessa di essere efficace quando il soggetto titolare perde i requisiti legittimanti la consultazione. In tal caso, il soggetto medesimo e l’impresa che ha richiesto l’abilitazione sono tenuti a darne tempestiva comunicazione all’IVASS entro cinque giorni dalla perdita dei requisiti, chiedendo di rimuovere l’abilitazione. A tal fine, l’impresa trasmette la relativa comunicazione di disabilitazione entro cinque giorni dalla perdita dei requisiti, secondo le citate istruzioni operative. In caso di ritardo o omissione della comunicazione predetta, l’impresa è corresponsabile per l’eventuale consultazione illegittima della banca dati sinistri.

Il mancato utilizzo delle credenziali di accesso per oltre sei mesi da parte di un soggetto autorizzato comporta la disabilitazione automatica dell’accesso da parte del sistema di autenticazione.

1.4 Obblighi e responsabilità di conservazione della documentazione

L’impresa raccoglie la documentazione cartacea comprensiva delle lettere di incarico sottoscritte dai singoli soggetti per accettazione, della certificazione comprovante la consegna all’utente della user-ID e delle copie dei documenti di identificazione. Tale documentazione è conservata presso la direzione generale dell’impresa e messa a disposizione dell’IVASS su richiesta.

L’impresa comunica all’IVASS eventuali aggiornamenti dei dati relativi ai soggetti abilitati.

L’impresa è responsabile dei controlli interni sulle consultazioni alla banca dati effettuate dai soggetti dalla stessa incaricati e abilitati dall’IVASS.

1.5 CONSAP e UCI

La procedura di abilitazione di cui ai punti precedenti si applica, ove compatibile, anche alla CONSAP e all’UCI.

2. MODALITÀ PER EFFETTUARE LA CONSULTAZIONE DA PARTE DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE, DELLA CONSAP E DELL’UCI

La consultazione on-line si effettua mediante collegamento telematico, dal sito internet dell’IVASS, www.ivass.it, ove è collocato uno specifico link “Banca Dati Sinistri”, con le modalità indicate nelle istruzioni operative.

Ove l’utente non riesca ad accedere regolarmente al sito o nel caso non risultasse più valida la combinazione delle credenziali di accesso, dovrà segnalare il disservizio alla propria impresa che valuterà l’eventuale necessità di ripristino delle credenziali1 o di modifica della sola password.

  1. 1  Nel caso di mancato utilizzo per oltre sei mesi, il sistema informa che l’utente è “valido, ma non attivo”. In questi casi occorre riavviare la procedura di abilitazione di cui al paragrafo 1.
  2. 2  Nel caso di smarrimento della password o di immissione errata di user-ID o password, il sistema informa che l’utente ha usato una “combinazione login/password errata”. In questi casi, se la password non è più nota all’utente, occorre effettuarne il ripristino secondo le istruzioni operative disponibili nel sito istituzionale dell’IVASS.
 

Ti è stato utile questo articolo?

Assi Bot

Comments are closed.