TRIBUNALE DI ….

RICORSO EX ART. 696-BIS C.P.C.

Per il Sig…….. nato a …….. il …., C.F. …., rappresentato e difeso, come da procura in calce al presente atto, dall’Avv. …., C.F. …., presso il cui studio ……. In ….. via …… è elettivamente domiciliato e presso il cui numero di fax ……. O indirizzo pec …… dichiara di voler ricevere tutte le comunicazioni relative al presente procedimento

PREMESSO CHE

– in data …., l’istante si sottoponeva ad intervento di ….. presso il presidio ospedaliero di …… (vedi allegato n……. );

– a seguito di …….. in data …. veniva applicata una protesi …… fabbricata dalla società……. (vedi allegato n….. );

– in data …. l’istante notava una strana protuberanza …… e veniva accertato che la protesi applicata aveva inspiegabilmente subito ……. (vedi allegato n…… );

– pertanto, l’istante in data …. veniva sottoposto a nuovo intervento chirurgico presso il presidio ospedaliero di …… (vedi allegato n….. ) per la rimozione della protesi danneggiata e……. all’intervento seguivano le seguenti terapie …… (vedi allegato n…… );

– pertanto, l’istante alla luce di tutto quanto sopra descritto è costretto a promuovere, nei confronti di:

1) Azienda Ospedaliera di …., C.F./P.I. …., in persona del legale rapp.te p.t., con sede legale in …., via ….;

2) …… Assicurazioni Spa…. C.F./P.I. …., in persona del legale rapp.te p.t., con sede legale in …., via …., quale compagnia assicurativa dell’Azienda Ospedaliera;

3) il Dott. …. nato a …., il …., C.F…., residente in …., via ….;

4) …… Assicurazioni Spa …. C.F./P.I. …., in persona del legale rapp.te p.t., con sede legale in …., via …., quale compagnia di assicurazioni del Dott. ….

consulenza tecnica preventiva al fine di accertare i danni derivanti dal danneggiamento della protesi ……., il nesso di causalità rispetto all’intervento sanitario e vedere determinato il relativo ammontare, in vista di una composizione bonaria della lite.

Giova ricordare che l’art. 7, comma 1, legge n. 24/2017 prevede una bipartizione netta delle responsabilità dell’ente ospedaliero e del sanitario per i danni occorsi ai pazienti, stabilendo una responsabilità di natura contrattuale ex art. 1218 c.c. a carico della struttura sanitaria e una responsabilità extracontrattuale ex art. 2043 c.c. a carico del sanitario.

Nella vicenda in esame, sussiste la responsabilità di entrambi i convenuti, in conformità con quanto rilevato dalla giurisprudenza prevalente, secondo la quale in materia di risarcimento dei danni conseguenti ad un intervento di innesto di protesi, sono responsabili sia la struttura sanitaria che il professionista sanitario che ha proceduto all’applicazione.

Giova, altresì, ricordare che l’art. 11 della l. n. 24/2017 prevede l’azione diretta del danneggiato nei confronti delle rispettive compagnie di assicurazioni della struttura sanitaria e del sanitario stesso.

Inoltre, l’art. 696 bis c.p.c. consente di richiedere l’espletamento di una consulenza tecnica preventiva, in via preventiva, anche al di fuori dei casi di urgenza, per l’accertamento e la relativa determinazione dei crediti derivanti dalla mancata o inesatta esecuzione di obbligazioni contrattuali o da fatto illecito. L’espletamento di tale consulenza tecnica preventiva prescinde, pertanto, dal presupposto del periculum in mora e giurisprudenza recente ammette che ricorrono i presupposti per ritenerla ammissibile, purchè nel rispetto dei limiti oggettivi richiesta dalla norma e allorquando la consulenza stessa sia idonea astrattamente a comporre la lita, con il limite che non risulti esclusivamente esplorativa.

Tutto quanto sopra premesso, l’istante come sopra rappresentato, difeso e domiciliato, ai sensi dell’art. 696-bis c.p.c.

CHIEDE

che l’ill.mo Presidente del Tribunale, in accoglimento del ricorso e previa fissazione della data di comparizione personale delle parti voglia nominare un consulente tecnico d’ufficio affinché proceda con il tentativo di conciliazione tra le parti, accerti i danni derivanti dalla protesi……. oltre al nesso di causalità tra la pratica sanitaria e il danno subito e ne quantifichi il relativo ammontare.

Si nomina sin d’ora Consulente tecnico di parte il Dott. …

Si depositano i seguenti documenti:

……..

IN VIA ISTRUTTORIA

Si allegano i documenti ……. indicati nella narrativa del presente atto.

Ai sensi dell’art. 14, comma 2, T.U. 115/02 e successive modifiche, si dichiara che il valore della controversia è di Euro …..

Luogo e data ….

Firma Avv. ….

PROCURA

 

Ti è stato utile questo articolo?

Assi Bot

Comments are closed.