ILL. MO TRIBUNALE CIVILE DI ………………….

*****

RICORSO EX ART. 696 bis c.p.c

Il Sig. ……………………..……., C.F. .…………………….., nato il ………………… a ………….…….……… e residente in …………..………………….….. via …………..…………………………, rappresentato e difeso dall’avv. …..…………….………..(C.F. ………………………………), del Foro di ……………………………presso il cui studio in ……………………..……… è elettivamente domiciliato e presso il cui numero di fax ………………………………….. o indirizzo P.E.C. ………………….……………….. chiede di ricevere le comunicazioni e le notifiche relative al presente giudizio (come da procura alle liti resa su foglio separato, allegato al presente atto o in virtù di mandato a margine del presente atto);

PREMESSO CHE

– Il giorno ……………..……..….il ricorrente veniva ricoverato presso il nosocomio di .……………per essere sottoposto ad un intervento chirurgico al ……………..……;

– l’intervento veniva eseguito dal medico chirurgo Dott. …………..……………….. e risultava di facile esecuzione, poiché non richiedeva la soluzione di problemi di particolare complessità;

– nonostante si trattasse di un intervento routinario esso veniva eseguito senza il rispetto delle linee guide della buona pratica medica, tanto da cagionare al ricorrente un danno fisico ………..………come risulta dalla documentazione medica e della relazione di parte del Dott. …………..……..;

– si precisa che il ricorrente non veniva debitamente informato sulle modalità di esecuzione dell’intervento e non gli veniva neppure richiesto di sottoscrivere il modulo per il consenso informato;

– dai fatti descritti emerge chiaramente la responsabilità medica che determina in capo al ricorrente l’insorgenza di un diritto al risarcimento del danno.

– Dal punto di vista strettamente giuridico si precisa che in virtù della Riforma Gelli, la responsabilità sanitaria della Struttura Ospedaliera e dei medici che operano al suo interno in qualità di dipendenti o liberi professionisti o in virtù di una convenzione con il Servizio sanitario Nazionale o attraverso il sistema della telemedicina, deve considerarsi di natura contrattuale. La responsabilità extracontrattuale è invece integrata qualora il medico operi al di fuori della struttura, privatamente, a meno che non abbia stipulato un contratto specifico con il paziente.

– Nel caso descritto emerge il diritto del paziente al risarcimento del danno, come risultante dalla documentazione medica prodotta, dalla relazione del consulente di parte e dalla consulenza d’ufficio che sarà disposta;

– che i danni riportati dall’odierno ricorrente sono da ricondurre alla condotta colposa del Dott. …………………………..;

– che in capo al Sig. ……………………sono residuati:

  • una invalidità permanente del ………%,
  • un’invalidità temporanea del ……………%
  • una invalidità temporanea parziale del ………%
  • oltre a un danno non patrimoniale di € …………..………..………..;

– che il danno deve essere quindi liquidato nella somma di € ………………………….….oltre interessi e rivalutazione monetaria, come previsto dalla legge.

***

Che pertanto, per tutto quanto sopra premesso ed esposto, il ricorrente promuove nei confronti:

– del Dott. ……………..………C.F……………………..…..nato il …………….…… e residente in …….…….………..via …………….…….;

– della Struttura Sanitaria ………………….……sita in …….……….……via …………………….P.IVA, nella persona del legale rappresentante pro tempore;

– della Compagnia Assicurativa …….….………………….in persona del legale rappresentante pro tempore con sede legale in …………..……….….via …………..……..P.IVA ….….……..………….……

una consulenza tecnica preventiva, così come previsto ai sensi dell’art 696 bis c.p.c. al fine di ottenere la determinazione del danno, delle condotte e delle cause che hanno cagionato le lesioni, al fine di comporre bonariamente la lite.

***

Tutto quanto sopra premesso, il ricorrente, così come sopra rappresentato e difeso, difeso e domiciliato, ai sensi dell’art. 696 bis c.p.c

CHIEDE

all’Ill. mo Presidente del Tribunale adito, in accoglimento del presente ricorso e previa fissazione dell’udienza di comparizione delle parti, di nominare un Consulente Tecnico d’Ufficio che si adoperi per tentare la conciliazione, accertare la natura e la gravità delle lesioni riportate dal ricorrente, il nesso di causa tra i danni fisici e la condotta medica non conforme alle linee guida della buona pratica clinica.

 

Il ricorrente nomina sin da ora il Dott. ………………quale consulente di parte;

Si offrono i seguenti documenti: (es: cartella clinica, certificati medico curante, certificati medici specialisti);

Si allega Consulenza medica di parte.

Ai fini del versamento del contributo unificato, ai sensi dell’art. 14, comma 2 T.U 115/2002 e successive modificazioni, si dichiara che il valore della presente causa è pari ad € …………….

 

……………..…………………….…..

Data e luogo

Avv. ………….……………………….…..

 

Ti è stato utile questo articolo?

Assi Bot

Comments are closed.