DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 gennaio 1981, n. 45 Modificazioni al regolamento sull’assicurazione obbligatoria della responsabilita’ civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 24 novembre 1970, n. 973

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 gennaio 1981, n. 45 Modificazioni al regolamento sull’assicurazione obbligatoria della responsabilita’ civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 24 novembre 1970, n. 973

Art. 1.    Al decreto del Presidente della Repubblica  24  novembre  1970,  n. 973, sono apportate le seguenti modificazioni:    Art. 1:  le  parole  “che  in  esse  e’  denominata  “legge””  sono sostituite  con  quelle  “e  successive  modificazioni,  in   seguito denominata “legge””.    L’art. 3 e’ sostituito dal seguente:    “Art. 3 – Motoscafi e  imbarcazioni  a  motore.  –  Debbono  essere coperte dall’assicurazione  della  responsabilita’  civile,  a  norma dell’art. 2 della legge e dell’art. 48 della legge 11 febbraio  1971, n. 50, tutte le imbarcazioni destinate alla navigazione  da  diporto,quali definite dall’art. 1 della stessa legge 11  febbraio  1971,  n.50, munite di motore di potenza superiore ai 3 HP fiscali.    Debbono altresi’ essere coperti dall’assicurazione:      a) i motoscafi e le imbarcazioni di stazza lorda non superiore  a 25 tonnellate che siano  muniti  di  motore  inamovibile  di  potenza superiore ai 3 HP fiscali e che siano adibiti ad uso privato, diverso dal diporto, o al  servizio  pubblico  di  trasporto  di  persone.  I predetti natanti si intendono adibiti ad  uso  privato  quando  siano posti in navigazione per uso personale  diverso  dal  diporto,  senza fine di lucro, del proprietario o del noleggiatore;      b) i motori amovibili di  potenza  superiore  … Continua a leggere...
Cosa prevede l’assicurazione obbligatoria dei veicoli a motore e dei natanti?

Cosa prevede l’assicurazione obbligatoria dei veicoli a motore e dei natanti?

L’assicurazione obbligatoria garantisce il conducente nonché – se persona diversa – il proprietario del mezzo contro il rischio di dover risarcire a terzi i danni provocati dalla circolazione del veicolo o dalla navigazione del natante. L’assicurazione comprende, anche, i danni alle persone e i danni alle cose subiti da pedoni, ciclisti e altri utenti non motorizzati della strada i quali, in conseguenza di un incidente nel quale sia stato coinvolto un veicolo, hanno diritto alla riparazione del danno, nei limiti in cui sussista la responsabilità civile dei conducenti (art.142 ter CdA) nonché i danni alla persona causati ai trasportati, qualunque sia il titolo in base al quale è effettuato il trasporto. Devi eseguire la registrazione ed abbonarti, per visualizzare tutti i contenuti di AssibotPer favore Accedi. Non sei abbonato? Registrati
Quali sono le aree pubbliche ai fini dell’assicurazione obbligatoria r.c.a. e quelle private?

Quali sono le aree pubbliche ai fini dell’assicurazione obbligatoria r.c.a. e quelle private?

Sono equiparate alle strade di uso pubblico tutte le aree, di proprietà pubblica o privata aperte alla circolazione pubblica (art.3 D.M. n.86/2008). Per stabilire, però, quali aree private possano ritenersi o meno di uso pubblico é necessario rifarsi all’ampia casistica della giurisprudenza non sempre concorde nelle proprie decisioni. Giurisprudenza: Devi eseguire la registrazione ed abbonarti, per visualizzare tutti i contenuti di AssibotPer favore Accedi. Non sei abbonato? Registrati
Quali sono i soggetti esclusi dall’assicurazione obbligatoria r.c.a.?

Quali sono i soggetti esclusi dall’assicurazione obbligatoria r.c.a.?

L’assicurazione RCA risponde dei danni da sinistro stradale causati a terzi ai sensi degli artt. 2054 c.c.; e 91 c. 2 CdS. Il novero dei soggetti che non possono essere considerati terzi, e non risultano pertanto coperti dalla polizza, è indicato dall’art. 129 CdA. Tra questi, oltre al conducente del veicolo responsabile del sinistro, non sono considerati terzi e non hanno diritto ai benefici derivanti dall’assicurazione obbligatoria limitatamente ai danni alle cose: “a) i soggetti di cui all’articolo 2054, terzo comma, del codice civile ed all’articolo 91, comma 2, del codice della strada[/i] (ossia proprietario, usufruttuario, acquirente con patto di riservato dominio e locatario); Devi eseguire la registrazione ed abbonarti, per visualizzare tutti i contenuti di AssibotPer favore Accedi. Non sei abbonato? Registrati
Quali sono i natanti oggetto dell’assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile?

Quali sono i natanti oggetto dell’assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile?

Devono essere assicurate per la responsabilità civile verso i terzi, prevista dall’articolo 2054 del codice civile (compresa quella dell’acquirente con patto di riservato dominio e quella del locatario in caso di locazione finanziaria, per danni alla persona): Devi eseguire la registrazione ed abbonarti, per visualizzare tutti i contenuti di AssibotPer favore Accedi. Non sei abbonato? Registrati