CIRCOLARE N. 411 D. DEL 30 MAGGIO 2000 – Istruzioni in merito all’applicazione del decreto legge 28 marzo 2000, n. 70, convertito con modificazioni nella legge 26 maggio 2000, n. 137.

CIRCOLARE N. 411 D. DEL 30 MAGGIO 2000 – Istruzioni in merito all’applicazione del decreto legge 28 marzo 2000, n. 70, convertito con modificazioni nella legge 26 maggio 2000, n. 137.

CIRCOLARE N. 411 D. DEL 30 MAGGIO 2000 Oggetto: Istruzioni in merito all’applicazione del decreto legge 28 marzo 2000, n. 70, convertito con modificazioni nella legge 26 maggio 2000, n. 137. Nella Gazzetta Ufficiale n. 122 del 27 maggio u.s. è stata pubblicata la legge 26 maggio 2000, n. 137, di conversione con modificazioni del decreto legge 28 marzo 2000, n. 70, recante “Disposizioni urgenti per il contenimento delle spinte inflazionistiche”. Questo Istituto ritiene necessario fornire alle imprese istruzioni in merito all’applicazione, per i contratti dell’assicurazione obbligatoria r.c.auto, delle norme dettate dal decreto legge con riferimento alle più significative modifiche apportate al testo originario del decreto stesso. 1) Blocco dei premi e blocco delle tariffe – comma 2 Le disposizioni del decreto legge riguardanti il blocco dei premi e delle tariffe si riferiscono indistintamente a tutte le categorie di veicoli a motore e a tutti i contratti rinnovati o stipulati entro un anno dalla data di entrata in vigore del decreto legge (29 marzo 2000) con formule tariffarie personalizzate che prevedono variazioni del premio in relazione al verificarsi o meno di sinistri. A partire dalla data di entrata in vigore della legge di conversione (28 maggio 2000) è stato previsto … Continua a leggere...
PROVVEDIMENTO N. 72 DEL 16 APRILE 2018 – CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E REGOLE EVOLUTIVE DELLA CLASSE DI MERITO DI CONVERSIONE UNIVERSALE DI CUI ALL’ART. 3 DEL REGOLAMENTO IVASS N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015, RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL’ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL’ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE 2005, N. 209 – CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE– DEMATERIALIZZAZIONE DELL’ATTESTATO DI RISCHIO

PROVVEDIMENTO N. 72 DEL 16 APRILE 2018 – CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E REGOLE EVOLUTIVE DELLA CLASSE DI MERITO DI CONVERSIONE UNIVERSALE DI CUI ALL’ART. 3 DEL REGOLAMENTO IVASS N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015, RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL’ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL’ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE 2005, N. 209 – CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE– DEMATERIALIZZAZIONE DELL’ATTESTATO DI RISCHIO

Art. 1 (Finalità) 1. Il presente Provvedimento stabilisce i criteri di assegnazione e le regole evolutive della classe di merito di conversione universale (classe di CU) e di continuità della storia assicurativa, in conformità a quanto previsto dall’art. 3, comma 3, del Regolamento IVASS n. 9, del 19 maggio 2015. Art. 2 (Assegnazione della classe di CU) 1. In caso di prima immatricolazione del veicolo, di voltura al PRA, di prima registrazione nell’Archivio Nazionale dei Veicoli, al contratto si applica la classe di CU 14. 2. Nel caso di veicoli già assicurati il contratto è assegnato alla classe di CU indicata nell’attestazione sullo stato del rischio, fatto salvo quanto disposto dal successivo art. 3. Art. 3 (Disciplina della classe di CU – Regole generali) 1. Per le annualità successive a quella di acquisizione del rischio, nell’attestazione sullo stato del rischio è indicata sia la classe di merito interna, ove prevista dalle singole imprese, sia la classe di CU. 2. I criteri di attribuzione della classe di CU per l’annualità successiva, determinata sulla base della sinistrosità registrata ai sensi degli articoli 2 e 3 del Regolamento IVASS n. 9, del 19 maggio 2015, per tutte le forme tariffarie, sono riportati nella … Continua a leggere...