Cos’è la cartella clinica e come va conservata?

Cos’è la cartella clinica e come va conservata?

La cartella clinica è il documento o l’insieme di documenti in cui sono raccolte tutte le informazioni mediche e i dati diagnostico-terapeutici di un paziente, al fine di valutare le cure da somministrare ed effettuare indagini scientifiche, statistiche e medico-legali. Si tratta, dunque, di un documento essenziale che riassume la storia clinica del soggetto e che, ex art. 26 del codice di deontologia medica, va redatto dal medico “con completezza, chiarezza e diligenza”. È obbligo del sanitario tenere in modo adeguato la cartella, il cui contenuto, al pari di ogni altra certificazione sanitaria, deve essere chiaro, preciso, accurato e completo. L’incompletezza della cartella clinica, infatti, per la giurisprudenza di legittimità, è circostanza di fatto che il giudice può utilizzare per ritenere dimostrata l’esistenza di un valido nesso causale tra l’operato del medico e il danno patito dal paziente, essendo , tuttavia “a tal fine necessario sia che l’esistenza del nesso di causa tra condotta del medico e  danno  del  paziente non possa essere accertata proprio  a  causa  della  incompletezza della cartella, sia che ii medico abbia  comunque  posto  in  essere  una  condotta astrattamente idonea a causare ii danno” (cfr., Cass. n. 7250/2018). In ordine alla conservazione delle cartelle cliniche, trattandosi … Continua a leggere...