Quali sono, in genere, i rischi esclusi nelle polizze r.c.a. e cosa comportano verso il terzo danneggiato?

Quali sono, in genere, i rischi esclusi nelle polizze r.c.a. e cosa comportano verso il terzo danneggiato?

Nel contratto assicurativo r.c.a. vi possono essere alcuni eventi in cui l’assicuratore esclude l’intervento della garanzia assicurativa o meglio, seppur tenuto per legge a risarcire, comunque, le terze parti danneggiate, senza poter opporre le eccezioni derivanti dalle clausole di esclusione della garanzia, potrà rivalersi sul contraente e/o conducente del veicolo assicurato, chiedendogli di rifondere − in tutto o in parte − le somme pagate. Vari possono essere i cosiddetti rischi esclusi, ad esempio: – i danni provocati da conducente non abilitato alla guida (cioè privo della patente o con patente scaduta);
Rischi operativi: la polizza danni all risks – l’assicuratore deve dimostrare che l’evento è escluso dall’assicurazione

Rischi operativi: la polizza danni all risks – l’assicuratore deve dimostrare che l’evento è escluso dall’assicurazione

di Redazione. L’assicuratore di una polizza danni eccepiva che l’evento occorso all’assicurato non era compreso tra quelli assicurati bensì contemplato nelle esclusioni previste dalla polizza. Nel primo e secondo grado di giudizio si affermava che fosse onere dell’assicurato dimostrare che il danno subito non rientrasse tra le esclusioni di polizza, cosi come eccepito dalla compagnia di assicurazione.  La Corte di Cassazione Civile con Ordinanza n.7749/2020 osservava sull’argomento come “nel giudizio promosso dall’assicurato nei confronti dell’assicuratore ed avente ad oggetto il pagamento dell’indennizzo assicurativo è onere dell’attore provare che il rischio avveratosi rientra nei “rischi inclusi” e, cioè, nella categoria generale dei rischi oggetto di copertura assicurativa; tuttavia, qualora il contratto contenga clausole di delimitazione del rischio indennizzabile (soggettive, oggettive, causali, spaziali, temporali), spetta all’assicuratore dimostrare il fatto impeditivo della pretesa attorea e, cioè, la sussistenza dei presupposti fattuali per l’applicazione di dette clausole”. Più precisamente “La circostanza che l’evento dannoso rientri tra i “rischi inclusi” è fatto costitutivo della pretesa, e va provata dall’assicurato. La circostanza che l’evento verificatosi rientri fra i rischi “non compresi” costituisce invece un fatto impeditivo della pretesa attorea, e va provato dall’assicuratore. Tale circostanza infatti non rappresenta un fatto costitutivo della domanda, ma un fatto … Continua a leggere...