Quali sono le formule tariffarie r.c.a.?

Quali sono le formule tariffarie r.c.a.?

L’ordinamento italiano riconosce diverse formule tariffarie in relazione all’assicurazione per la responsabilità civile derivante dalla circolazione di veicoli a motore. La norma più importante in materia è rappresentata dall’art. 133 del Codice delle Assicurazioni Private, che al primo comma recita: “i contratti di assicurazione debbono essere stipulati in base a condizioni di polizza che prevedano ad ogni scadenza annuale la variazione in aumento od in diminuzione del premio applicato all’atto della stipulazione o del rinnovo, in relazione al verificarsi o meno di sinistri nel corso di un certo periodo di tempo, oppure in base a clausole di franchigia che prevedano un contributo dell’assicurato al risarcimento del danno o in base a formule miste fra le due tipologie”. Il contratto di assicurazione, pertanto, deve prevedere per legge un meccanismo premiale per i guidatori virtuosi oppure una clausola di franchigia a carico dell’assicurato. La disposizione fa chiaro riferimento alla c.d. formula “bonus/malus”, aprendo le porte, però, anche ad altre soluzioni.
CIRCOLARE N. 411 D. DEL 30 MAGGIO 2000 – Istruzioni in merito all’applicazione del decreto legge 28 marzo 2000, n. 70, convertito con modificazioni nella legge 26 maggio 2000, n. 137.

CIRCOLARE N. 411 D. DEL 30 MAGGIO 2000 – Istruzioni in merito all’applicazione del decreto legge 28 marzo 2000, n. 70, convertito con modificazioni nella legge 26 maggio 2000, n. 137.

CIRCOLARE N. 411 D. DEL 30 MAGGIO 2000 Oggetto: Istruzioni in merito all’applicazione del decreto legge 28 marzo 2000, n. 70, convertito con modificazioni nella legge 26 maggio 2000, n. 137. Nella Gazzetta Ufficiale n. 122 del 27 maggio u.s. è stata pubblicata la legge 26 maggio 2000, n. 137, di conversione con modificazioni del decreto legge 28 marzo 2000, n. 70, recante “Disposizioni urgenti per il contenimento delle spinte inflazionistiche”. Questo Istituto ritiene necessario fornire alle imprese istruzioni in merito all’applicazione, per i contratti dell’assicurazione obbligatoria r.c.auto, delle norme dettate dal decreto legge con riferimento alle più significative modifiche apportate al testo originario del decreto stesso. 1) Blocco dei premi e blocco delle tariffe – comma 2 Le disposizioni del decreto legge riguardanti il blocco dei premi e delle tariffe si riferiscono indistintamente a tutte le categorie di veicoli a motore e a tutti i contratti rinnovati o stipulati entro un anno dalla data di entrata in vigore del decreto legge (29 marzo 2000) con formule tariffarie personalizzate che prevedono variazioni del premio in relazione al verificarsi o meno di sinistri. A partire dalla data di entrata in vigore della legge di conversione (28 maggio 2000) è stato previsto … Continua a leggere...
LEGGE 6 agosto 2008, n. 133 – Liberalizzazione tariffe autotrasporto

LEGGE 6 agosto 2008, n. 133 – Liberalizzazione tariffe autotrasporto

Art. 83-bis. – (Tutela della Sicurezza stradale e della regolarita’ del mercato dell’autotrasporto di cose per conto di terzi). 1. L’Osservatorio sulle attivita’ di autotrasporto di cui all’articolo 9 del decreto legislativo 21 novembre 2005, n. 286, sulla base di un’adeguata indagine a campione e tenuto conto delle rilevazioni effettuate mensilmente dal Ministero dello sviluppo economico sul prezzo medio del gasolio per autotrazione, determina mensilmente il costo medio del carburante per chilometro di percorrenza, con riferimento alle diverse tipologie di veicoli, e la relativa incidenza. 2. Lo stesso Osservatorio, con riferimento alle tipologie dei veicoli, determina, il quindicesimo giorno dei mesi di giugno e dicembre, la quota, espressa in percentuale, dei costi di esercizio dell’impresa di autotrasporto per conto di terzi rappresentata dai costi del carburante. 3. Le disposizioni dei commi da 4 a 11 del presente articolo sono volte a disciplinare i meccanismi di adeguamento dei corrispettivi dovuti dal mittente per i costi del carburante sostenuti dal vettore e sono sottoposte a verifica con riferimento all’impatto sul mercato, dopo un anno dalla data della loro entrata in vigore. 4. Qualora il contratto di trasporto sia stipulato in forma scritta, ai sensi dell’articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre 2005, … Continua a leggere...